Ultimo aggiornamento alle 11:44
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 1 minuto
Cambia colore:
 

la denuncia

Covid, spunta (anche) la truffa dei tamponi domiciliari a pagamento

Il caso di una presunta infermiera segnalato nella Locride. La Protezione civile: «Il nostro operato svolto a titolo gratuito»

Pubblicato il: 20/01/2022 – 11:42
Covid, spunta (anche) la truffa dei tamponi domiciliari a pagamento

CATANZARO «Nelle scorse ore sono giunte una serie di segnalazioni di una presunta infermiera che dichiara di lavorare per la Protezione Civile e di effettuare tamponi a domicilio a pagamento». È la stessa Protezione civile a segnalare il caso «sollevato dall’assessore alle Politiche Sociali del comune di Locri», spiegando che sedicenti infermiere si sarebbero presentate «anche nel territorio di Ardore e Bovalino». Una presunta truffa che andrebbe ad aggiungersi alla già complicata situazione pandemica.
Il direttore generale del Dipartimento di Protezione Civile regionale, Fortunato Varone, tiene a precisare che «tutto l’operato delle associazioni di Protezione Civile viene svolto a titolo gratuito e, in ogni caso, sono in corso gli accertamenti dei fatti denunciati che ledono l’immagine della Protezione Civile impegnata con passione e spirito di abnegazione sul territorio».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x