Ultimo aggiornamento alle 22:59
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

il blitz

Cocaina a Lamezia da Mileto e Gioia Tauro, sei arresti e 23 indagati – NOMI

Inchiesta della Dda di Catanzaro sullo spaccio tra i giovani in piazza Mercato Vecchio. Indagini partite dall’arresto in flagranza di due giovani

Pubblicato il: 17/02/2022 – 7:49
Cocaina a Lamezia da Mileto e Gioia Tauro, sei arresti e 23 indagati – NOMI

LAMEZIA TERME Nelle prime ore della mattinata odierna, la Polizia di Stato di Catanzaro ha dato esecuzione all’ordinanza cautelare, emessa dal Gip presso il Tribunale di Catanzaro, su richiesta della Procura della Repubblica – Direzione distrettuale antimafia di Catanzaro, nei confronti di 23 indagati, sulla base della ritenuta sussistenza di gravi indizi in ordine ai delitti di cui agli artt. 73 e 74 DPR 309/90 – associazione finalizzata al traffico di stupefacenti –, nonché di altri reati in materia di armi e tentata estorsione, a vario titolo loro rispettivamente ascritti.
L’operazione, condotta dalla Squadra mobile di Catanzaro e dal Commissariato di polizia di Lamezia Terme, con il supporto di equipaggi del Reparto Prevenzione Crimine e di unità cinofile, è stata resa possibile grazie all’attività investigativa scaturita dall’arresto di due soggetti, colti nella flagranza del reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente del tipo cocaina.

I nomi

Sono finiti in carcere: Gian Luigi Domenico Bonali; Pasquale Buffone; Lorenzo Giuseppe Isabella Valenzi; Fausto Raso. Obbligo di dimora nel comune di residenza per: Gianluca Adone; Francesco Angotti; Michele Caruso; Marco Antonio Cerra; Alessio Cortese; Francesco Galluzzi; Hans Georg Holzhausen; Luigi Ianni; Maurizio Mazza; Luigi Notarianni; Danilo Pileggi; Giovanni Roberto; Vincenzo Taccone; Antonio Torcasio; Angelo Villella; Agli arresti domiciliari: Antonio Cerra; Antonio Pagliuso; Simone Bonali; Obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria per Immacolata Bonali.

La cocaina a Lamezia da Mileto e Gioia Tauro e lo spaccio in piazza Mercato Vecchio

Gli elementi indiziari acquisti hanno riguardato una presunta associazione dedita al traffico di stupefacenti, operativa a Lamezia Terme, e luoghi di approvvigionamento, in provincia di Vibo Valentia (Mileto) e Reggio Calabria (Gioia Tauro), avente la base logistica, e luogo di stoccaggio dello stupefacente, facilmente controllabile dagli indagati, nonché soggetta, tramite scanner, ad accurate “bonifiche”, per individuare eventuali microspie installate dalle forze di polizia, con la relativa piazza di spaccio in Piazza Mercato Vecchio di Nicastro, frequentata da giovani.
Dei 23 indagati, 6 sono stati destinatari di custodia cautelare in carcere, uno di arresti domiciliari, 15 di obbligo di dimora e uno di obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria. Il procedimento per le ipotesi di reato è attualmente nella fase delle indagini preliminari.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x