Ultimo aggiornamento alle 16:20
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

la storia

Gino Strada e il “sogno” di gestire l’ospedale a Cariati. «È più facile aprirne uno a Kabul»

Nell’ultimo libro del compianto fondatore di Emergency pagine (amare) dedicate al suo passaggio in Calabria

Pubblicato il: 04/03/2022 – 7:14
Gino Strada e il “sogno” di gestire l’ospedale a Cariati. «È più facile aprirne uno a Kabul»

CARIATI «L’ultimo libro di Gino Strada parla anche di Sud, di Calabria, di Cariati». L’associazione “Le Lampare” di Cariati, impegnata nel difficile percorso per il ritorno alla funzionalità dell’ospedale Vittorio Cosentino, pubblica il breve stralcio del volume firmato dal defunto fondatore di Emergency dedicato al suo “passaggio” in Calabria. Il libro, a cura di Simonetta Gola e pubblicato postumo da Feltrinelli, di intitola “Una Persona Alla Volta”.
Strada descrive in poche efficaci battute la situazione della sanità nell’area della Sibaritide e a Cariati in particolare. «Il pronto soccorso più vicino è a Corigliano Rossano, a quaranta minuti di distanza, il secondo a Crotone, a circa un’ora. Nessuno dei due ospedali ha l’unità di emodinamica: in caso di infarto o ictus, la situazione si fa complicata perché bisogna andare a Castrovillari (…). Ottantamila persona, che diventano duecentomila d’estate, non hanno un ospedale vicino. In compenso in zona ci sono tre cliniche private».

Strada riporta anche le parole di uno dei volontari de Le Lampare, Mimmo, che gli dice: «Qui è come se ci fosse il Covid da dieci anni», per spiegare che i servizi sanitari essenziali sono una chimera.
Poi continua: per Emergency quella di prendere in gestione l’ospedale sarebbe stata «un’occasione irripetibile» perché avrebbe permesso all’associazione «di mettere alla prova in Italia il nostro modello di sanità: cure gratuite ed efficaci senza profitti e senza sprechi». Nessuno però «raccoglieva la proposta». Un sogno che si è trasformato, poi, nella gestione per qualche mese del secondo reparto Covid nell’ospedale di Crotone, «come ci era stato chiesto, e niente più». Perché, è la chiosa, «a volte è più facile aprire un ospedale a Kabul».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria

Concessionario Basic Media Servizi Srl

Telefono: 0984-391711
Cellulare: 351 8568553
Email: info@basicms.it

Design: cfweb

x

x