Ultimo aggiornamento alle 1:55
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 4 minuti
Cambia colore:
 

la decisione

Inchiesta “Mercato libero”, annullate le misure cautelari per Demetrio e Paolo Frascati

I due, accusati di intestazione fittizia di beni, erano sottoposto ad obbligo di firma presso la Pg. La Suprema Corte ha annullato senza rinvio

Pubblicato il: 15/04/2022 – 12:42
Inchiesta “Mercato libero”, annullate le misure cautelari per Demetrio e Paolo Frascati

REGGIO CALABRIA La vicenda cautelare nel procedimento “Libero Mercato” si arricchisce di un nuovo tassello. Dopo l’annullamento ottenuto nei giorni scorsi da Emilio Angelo Frascati, classe 1969, anche per i fratelli Demetrio e Paolo la Seconda Sezione della Cassazione ha annullato senza rinvio l’ordinanza del Tribunale del riesame reggino che aveva confermato il giudizio di gravità indiziaria in relazione al delitto di intestazione fittizia di beni. In effetti, ai Frascati nello scorso agosto era stato contestato di essere proprietari di fatto della “Effe Motors” che operava in città dal 2008 come concessionaria Honda e Mazda. Gli stessi, tuttavia, avevano giustificato già in sede di riesame le ragioni della loro presenza in azienda con la presentazione dei regolari contratti di lavoro.
Il Tribunale, che, già nello scorso mese di ottobre aveva accolto le doglianze difensive degli indagati Cocchiarale e Romeo, presunti concorrenti dei Frascati nel reato di intestazione fittizia della “Effe Motors”, aveva tuttavia rigettato il ricorso. 

Il ricorso contro il provvedimento del Riesame

Demetrio e Paolo Frascati, difesi dai legali di fiducia Marco Panella e Francesco Calabrese, hanno così proposto ricorso per Cassazione contro il provvedimento del Riesame. La tesi perorata dai difensori si è basata sulla preliminare censura del dato secondo cui la condotta di interposizione fittizia fosse del tutto insussistente difettando in radice il dolo specifico di voler eludere la possibile emissione di un eventuale provvedimento di sequestro e confisca nell’ambito di un futuro procedimento di prevenzione. «Difatti – si legge in una nota degli stessi legali – gli elementi valorizzati in chiave accusatoria erano del tutto evanescenti ed indimostrati non sussistendo a carico dei fratelli Demetrio e Paolo Frascati la concreta prospettiva di essere sottoposti ad alcun provvedimento di sequestro futuro, anche in ragione del fatto che entrambi assolutamente incensurati erano sempre stati del tutto avulsi dal coinvolgimento in contesti delinquenziali». Inoltre, i due difensori hanno evidenziato come, al fine di poter contestare il reato di intestazione fittizia, «sarebbe stato quantomeno necessario l’individuazione del bene asseritamente proveniente dal patrimonio del gestore occulto. Tale passaggio avrebbe potuto, eventualmente, consentire successivamente la effettiva verifica della provenienza del bene dal patrimonio dei fratelli Frascati».
In questo senso, già nella ricostruzione dei fatti operata dal Tribunale del riesame reggino era stato chiaramente affermato che fin dall’origine Demetrio e Paolo Frascati non fossero i titolari dei beni della Effe Motors, riconoscendo, al contrario, che la società cooperativa era costituita e riferibile agli ex dipendenti della Frauto, società, questa, già confiscata e appartenente al patrimonio dello Stato.
I soci lavoratori della Effe Motors nell’anno 2008 ottennero a seguito dei controlli di tutte le autorità competenti coinvolte per l’affitto di beni dello Stato direttamente dall’Agenzia del Demanio – per ragioni di continuità aziendale e per trovare occupazione in un territorio che, purtroppo, possiede evidenti difficoltà di ricollocazione lavorativa – un contratto di affitto di una parte del patrimonio della ex Frauto per una durata di 19 anni, pertanto, neanche i giudici del gravame cautelare avevano provato la costituzione e la proprietà della Effe Motors ad opera dei Frascati.
Quello che continuava ad essere contestato ai Frascati era un presunto ruolo gestorio occulto riconducibile all’anno 2018 che sarebbe stato dimostrativo della loro effettiva titolarità della cooperativa costituita ben dieci anni prima.

La decisione della Cassazione

Nel corso del giudizio di cassazione gli avvocati Marco Panella e Francesco Calabrese hanno ribadito le ragioni delle proprie doglianze, evidenziando come fossero assolutamente insussistenti sia i presupposti oggettivi quanto quelli soggettivi per configurare la condotta delittuosa per il reato contestato e per il quale rimaneva in essere per i Frascati solo la misura di obbligo di presentazione alle autorità di Pg.
La Seconda Sezione Penale della Corte di cassazione, dunque, accogliendo in pieno il ricorso dei difensori ha annullato senza rinvio l’ordinanza del Tribunale del riesame disponendo direttamente la revoca della suddetta misura cautelare che era in atto gravante a carico dei fratelli Frascati e mettendo la parola fine alla vicenda cautelare a carico anche di questi ultimi imputati come lo era stato per i cugini Cocchiarale e Romeo nello scorso autunno.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano

Concessionario Basic Media Servizi Srl

Telefono: 0984-391711
Cellulare: 351 8568553
Email: info@basicms.it

Design: cfweb

x

x