Ultimo aggiornamento alle 0:10
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 4 minuti
Cambia colore:
 

il nodo infrastrutture

Fit Cisl: nella “vertenza Calabria” inserire anche il completamento della A2

L’appello del segretario provinciale della categoria di Cosenza Domanico al governatore Roberto Occhiuto

Pubblicato il: 25/04/2022 – 9:51
Fit Cisl: nella “vertenza Calabria” inserire anche il completamento della A2

COSENZA “Un appello al presidente della Regione Roberto Occhiuto affinché nel dossier relativo alla ‘vertenza Calabria’ venga inserito anche il completamento di quelle porzioni significative dell’A2 rimaste escluse dall’originario progetto di ammodernamento ed adeguamento alle norme Cnr”. A lanciarlo è la Fit Cisl Cosenza con una nota a firma del segretario generale Antonio Domanico. “La porta principale di ingresso nella nostra Regione – scrive Domanico – non può rimanere tale. Rilanciamo la proposta di petizione avanzata dal gruppo consiliare 2026 che ricorda come nell’assoluto silenzio delle istituzioni locali, nel 2016 fu decretata la conclusione dei lavori di adeguamento alle norme Cnr dell’Autostrada Salerno Reggio Calabria con esclusione di ben 58 km della stessa, per i quali sono stati previsti, e sono in corso, solo interventi di manutenzione straordinaria. Il Dm 6792 del 5 novembre 2001 che disciplina la progettazione delle strade è norma cogente, quindi deve essere completamente osservata sia per il progetto di nuovi tratti di strada, sia per l’adeguamento di strade esistenti. Tale disciplina è stata successivamente modificato dal Dm 67/s del 22 aprile 2004 che relega il Dm 5 novembre 2001 solo al progetto delle strade di nuova costruzione laddove risulti di difficile applicazione ma il Dm 5 novemvre 2001 deve comunque essere assunto come riferimento per i progetti di adeguamento dell’esistente, in attesa di una futura norme. Il tratto cosentino tra gli svincoli di Cosenza Sud e Altilia le cui caratteristiche sono note a tutti – spiega la Fit Cisl – è interessato da lavori di manutenzione straordinaria che ne limitano quotidianamente la percorribilità; un tratto in cui i volumi di traffico, come viene ricordato nell’iniziativa del gruppo civico Rogliano 2026, sono tra più alti che si registrano nel tratto calabrese dell’A2. A tal proposito occorre rivedere il concetto di vita utile dell’infrastruttura viaria, intesa come l’arco temporale nel quale l’infrastruttura riesce a sopportare il carico di traffico con un accettabile livello di servizio. Generalmente per la vita utile delle infrastrutture viarie si accetta il tempo di trenta anni da molto superati dai tratti cosentini e vibonesi”. Per il segretario della Fit Cisl Cosenza Domani “gli attuali lavori di manutenzione certamente utili ma non finalizzati a migliorare le sezioni stradali andrebbero riveduti in una politica strutturale economico e sociale su tali aree; devono essere ripensati ed inclusi in quegli ‘altri step legislativi’ che il presidente Occhiuto ritiene possano rappresentare un’opportunità per pretendere ascolto e risorse e garantire su tutto l’itinerario dell’A2 omogenei standard funzionali e di sicurezza. Occorre correggere nei tratti citati quegli elementi geometrici in modo da avere un tracciato facile da percorrere, sempre presente e senza insidie, e fondamentalmente nella condizione di conferire all’utente la percezione immediata e continuativa di quello che deve avvenire. In sintesi quando l’utente inizia a percorrere una strada deve percepirne immediatamente le sue caratteristiche, le deve memorizzare e farle proprie in modo da uniformare il proprio comportamento sull’intero tracciato e non solo su parte di esso. Ringraziamo i cantonieri e gli operatori specializzati dell’Anas che presidiano 365 giorni all’anno, 24 ore al giorno, quei pericolosi tratti privi di corsia di emergenza e costantemente parzializzati dalle aree di cantiere destreggiandosi, con spirito di abnegazione tra code e rallentamenti al fine di prevenire quelle situazioni di pericolo che generano rischi e blocco della circolazione auspicando che all’interno dell’allegato Infrastrutture del Def venga inserito anche l’adeguamento dei chilometri mancati dell’A2. A tal proposito inviteremo, nelle prossime ore, i vertici della Struttura territoriale Anas Calabrese in un tavolo di confronto per richiedere maggiori risorse umane ed un piano operativo straordinario da destinare al presidio dei tratti interessati dai lavori in considerazione dell’approssimarsi della stagione estiva con maggiori volumi di traffico”.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Design: cfweb

x

x