Ultimo aggiornamento alle 23:34
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

la nota

«Ma davvero fate? Il Parco Benessere è una follia»

«L’impegno era di quelli solenni: se vinciamo noi, riapriamo viale Giacomo Mancini e lo riportiamo alla funzione per la quale era stato pensato, finanziato e realizzato dal Leone socialista. Ieri …

Pubblicato il: 13/05/2022 – 9:48
di Giacomo Mancini*
«Ma davvero fate? Il Parco Benessere è una follia»

«L’impegno era di quelli solenni: se vinciamo noi, riapriamo viale Giacomo Mancini e lo riportiamo alla funzione per la quale era stato pensato, finanziato e realizzato dal Leone socialista. Ieri l’annuncio opposto: rimarrà tutto così. Anzi, se è possibile, peggio: saranno completati i lavori di quello che con ironia degna di Zelig è stato soprannominato parco del benessere (che invece tanti disagi e tanto malessere sta creando ai cosentini: traffico infernale, incolonnamenti, inquinamento, impoverimento della città). Insomma l’esatto contrario di quello che era stato promesso. Le reazioni? Il vecchio sindaco Mario Occhiuto, l’artefice della distruzione della più importante arteria di comunicazione cittadina, esulta. Noi cittadini tutti rimaniamo increduli e senza parole. Ma davvero fate?  Lo chiedo con amicizia al sindaco Caruso e ai componenti della sua giunta e della sua maggioranza. «(Il parco del malessere) è in contrasto con la mia visione di sviluppo di quell’aria” ammette con sincerità il sindaco anche nella sua ultima dichiarazione. E allora perché non perseguire con forza e con tenacia la visione che è stata premiata dai cosentini con il loro voto poco meno di sei mesi fa? Non c’è una sola motivazione amministrativa o urbanistica o di semplice buon senso per per perseverare in questo scempio della distruzione della più importante arteria di comunicazione di Cosenza e dell’aria urbana. È come se a Parigi sventrassero Avenue des Champs-Élysées, a Londra distruggessero Regent street, a Madrid devastassero la Gran Via, a New York City chiudessero la Fifth Avenue, a Berlino inibissero viale Unter den Linden. Le città (dalla notte dei tempi) hanno bisogno di vie di comunicazioni per crescere,  vivere e prosperare. E per questo era stato pensato ideato e realizzato viale Giacomo Mancini, un moderno asse attrezzato che consentisse collegamenti rapidi e veloci da e per Cosenza e all’interno della città. Chiuso il Viale è stato il delirio e l’aggravarsi dell’ impoverimento collettivo. Che, purtroppo, non terminerà (anzi diventerà maggiore) con il completamento del cosiddetto parco del malessere con nientepopodimeno che quattro (quattro eh) piste ciclabili una attaccata all’altra.  Caro Franz ascoltami o meglio ascolta la nostra città e i nostri concittadini: annulla l’ultima delibera di giunta e ritorna agli impegni con gli elettori: riapriamo viale Giacomo Mancini e riportiamolo subito alla sua funzione». 

*Già assessore regionale al Bilancio

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Design: cfweb

x

x