Ultimo aggiornamento alle 14:03
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

Il nodo

Superbonus 110, Celebre: «Costituire un fondo nazionale specifico»

Il segretario di Fillea Cgil Calabria interviene sul blocco nella cessione dei crediti alle imprese: «A rischio centinaia di famiglie»

Pubblicato il: 24/06/2022 – 7:57
Superbonus 110, Celebre: «Costituire un fondo nazionale specifico»

«Le enormi e varie difficoltà riscontrate dalle imprese nella cessione dei crediti collegati ai vari Bonus e Superbonus 110, in alcuni casi, hanno bloccato completamente gli interventi rivelandosi come un vero e proprio colpo basso per la stessa esistenza delle imprese e mettendo sul lastrico anche centinaia di famiglie». È quanto dichiara Simone Celebre in qualità di segretario generale di Fillea Cgil Calabria.
«Il blocco delle banche e degli intermediari finanziari verso la cessione dei crediti – avvisa Celebre –, quindi, se continuerà a persistere sicuramente si rivelerà un vero e proprio colpo di mano verso la ripresa del settore e, soprattutto, avrà ricadute catastrofiche sia sull’occupazione e sia sulla stessa capacità industriale del nostro settore». «Oggi, come non mai, quindi – incalza Celebre –, c’è bisogno non dell’ennesima modifica normativa, ma di individuare un soggetto serio e “capiente” che possa, adesso e nel futuro, garantire la continuità nelle cessioni dei crediti». «Come Fillea Cgil Calabria – roferisce il segretario generale –, a onor di verità, dobbiamo riconoscere che gli ultimi interventi normativi hanno introdotto importanti novità che hanno contribuito a procedure trasparenti e tutele contrattuali a favore dei lavoratori e delle imprese serie, subordinando l’ottenimento dei benefici connessi ai bonus all’applicazione dei contratti collettivi nazionali di settore, oltre a garantire ai lavoratori tutte le tutele previste nel contratto in termini di formazione obbligatoria, di salario e, soprattutto, di sicurezza». «Così come riconosciamo – sottolinea Celebre – che altre norme introdotte hanno reso più tracciabili i flussi finanziari e hanno reso più facile il contrasto ai cantieri aperti solo sulla carta che sono alla base di gran parte delle truffe». «Interventi normativi – commenta ancora Celebre – che, però, non hanno scalfito il “potere” del mondo delle banche e le evidenti deformazioni del nostro sistema creditizio». «Per noi della Fillea – analizza il segretario generale –, la risoluzione della questione della cessione dei crediti è la problematica madre per poter garantire che i vari bonus e super bonus possano avere quegli effetti “salutari” sia a favore delle imprese e delle ricadute occupazionali e sia per aiutare le fasce più povere della popolazione a garantirsi l’efficienza energetica e la messa in sicurezza delle proprie abitazioni». «Ribadiamo che serve una soluzione drastica e decisiva – suggerisce Celebre – che garantisca la cessione dei crediti proponendo la scesa in campo di Cassa depositi e prestiti a garantire la cessione dei crediti per i soggetti economicamente più fragili, con la costituzione di un Fondo nazionale specifico che sia in grado di garantire subito liquidità alle imprese e di rientrare poi, con i saldi pluriennali di restituzione fiscale, nei 5 anni successivi», conclude Celebre.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x