Ultimo aggiornamento alle 23:01
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

La sentenza

Delitto Cordì, carcere a vita per l’ex e il suo amante – VIDEO

Il Tribunale di Locri ha condannato all’ergastolo la coppia. Avrebbero ucciso e poi bruciato il 42enne. Assolto Giuseppe Sfara, 23 anni al fratello

Pubblicato il: 28/06/2022 – 15:11
di Mariateresa Ripolo
Delitto Cordì, carcere a vita per l’ex e il suo amante – VIDEO

LOCRI Ergastolo per Susanna Brescia e Giuseppe Menniti, 23 anni per Francesco Sfara. Assoluzione per Giuseppe Sfara (per non aver commesso il fatto). Queste le condanne inflitte a Locri per l’omicidio di Vincenzo Cordì dalla Corte d’Assise presieduta da Amelia Monteleone (giudice a latere Mariagrazia Galati).
L’accusa era rappresentata in aula dal pm Marzia Currao, titolare dell’indagine sull’uccisione del 42enne di Gioiosa Jonica trovato carbonizzato all’interno della propria autovettura il 13 novembre 2019, in località Scialata del comune di San Giovanni di Gerace.
Nell’aula del Tribunale di Locri presenti i familiari di Cordì. Indosso la maglietta con una fotografia della vittima e la scritta “Vincenzo sempre con noi”.

La famiglia Cordì: «Il primo grande passo verso una giustizia definitiva»

«È una cosa che il mio cuore voleva e finalmente oggi è arrivata». Commenta così la sentenza la sorella della vittima Rosamaria Cordì. La donna, tra le lacrime, ha ringraziato gli inquirenti, la pm Marzia Currao e l’avvocato Rocco Guttà. «È il primo passo verso una giustizia definitiva», ha affermato il legale della famiglia, che ha spiegato: «Considerando la mia esperienza professionale presumo ci sarà un appello, quindi dovremmo ancora attendere per avere una giustizia in via definitiva. Questo è il primo passo». «Il primo grande passo», ha aggiunto Rosamaria Cordì.

Le indagini

L’omicidio, secondo l’accusa, si è consumato ad opera di Susanna Brescia, compagna di Cordì, Giuseppe Menniti, l’amante della donna, e Francesco Sfara, figlio della donna avuto da una precedente relazione. Il delitto fu definito dal Procuratore di Locri, Luigi D’Alessio «uno degli omicidi più efferati degli ultimi anni nella Locride».
Vincenzo Cordì, che era scomparso due giorni prima del ritrovamento del cadavere carbonizzato, – secondo le ricostruzioni degli inquirenti che hanno indagato per tre mesi – è morto dopo essere stato tramortito e dato alle fiamme ancora vivo all’interno della sua Fiat 16 la notte dell’11 novembre 2019. Da subito era stata esclusa l’ipotesi di suicidio, nonostante la compagna sostenesse proprio questa tesi.
Il giorno seguente l’omicidio Susanna Brescia aveva fatto una denuncia di scomparsa: secondo gli investigatori una messa in scena con il tentativo di depistare le indagini. La donna sosteneva che Cordì fosse molto depresso e che facesse uso di antidepressivi. «Totalmente falso», secondo l’accusa.

Il movente

«Susanna Brescia era una donna gelosa» e «non era fedele», è stato sottolineato in aula. Secondo l’accusa, il movente dell’omicidio è da ricercare nei difficili rapporti che Cordì intratteneva con la donna dalla quale aveva avuto due figli.
Per Giuseppe Menniti e Francesco Sfara, invece, il movente sarebbe da ricercare nella «volontà di aiutare l’imputata ad annientare il compagno». Susanna Brescia, secondo l’accusa, intratteneva da diverso tempo una relazione extraconiugale con Giuseppe Menniti, benché dimostrasse gelosia nei confronti del compagno.
I testimoni ascoltati in aula hanno parlato di «continue telefonate anche mentre Vincenzo si trovava sul luogo di lavoro». Secondo quanto emerso, l’uomo nel 2016 era stato ricoverato per intossicazione da barbiturici che avrebbe assunto senza rendersene conto: secondo l’accusa è stato un primo tentativo di avvelenamento, «un tentato omicidio», ha affermato il pm.

Condanne e assoluzioni

Ma ecco la decisione del Tribunale sugli imputati del processo:

Susanna Brescia, ergastolo
Giuseppe Menniti. ergastolo
Francesco Sfara, 23 anni
Giuseppe Sfara, assoluzione

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria

Concessionario Basic Media Servizi Srl

Telefono: 0984-391711
Cellulare: 351 8568553
Email: info@basicms.it

Design: cfweb

x

x