Ultimo aggiornamento alle 15:43
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

rinascita scott

Pittelli resta ai domiciliari, la Cassazione dispone un nuovo giudizio del Riesame

La Suprema Corte ha annullato il giudizio del Tdl che disponeva la misura cautelare per l’ex parlamentare di centrodestra

Pubblicato il: 16/07/2022 – 9:28
di Alessia Truzzolillo
Pittelli resta ai domiciliari, la Cassazione dispone un nuovo giudizio del Riesame

ROMA Giancarlo Pittelli resta ai domiciliari. La Corte di Cassazione ha deciso l’annullamento con rinvio a una diversa sezione del Tribunale del riesame dell’ordinanza che disponeva la misura cautelare in carcere per l’ex parlamentare, imputato nel maxi processo Rinascita-Scott con l’accusa di concorso esterno in associazione mafiosa.
A dicembre 2021 Giancarlo Pittelli, difeso da Guido Contestabile e Salvatore Staiano, era tornato in carcere per decisione del Tribunale di Vibo Valentia. Il collegio che presiede al maxi processo Rinascita-Scott – Brigida Cavasino presidente, Gilda Romano e Claudia Caputo a latere – aveva accolto la richiesta di aggravare la misura cautelare (dai domiciliari al carcere) in seguito alla scoperta di una raccomandata che l’avvocato aveva inviato al ministro per il Sud Mara Carfagna. È accaduto, però, che dalla segreteria del ministro abbiano inviato la missiva all’ispettorato di Palazzo Chigi che, a sua volta, l’ha trasmessa alla Squadra Mobile di Catanzaro e, da qui, è finita alla Procura di Catanzaro, guidata da Nicola Gratteri. I magistrati, alla luce di quanto accaduto, hanno inviato la raccomandata al Tribunale di Vibo Valentia chiedendo un aggravamento della misura cautelare poiché Pittelli aveva violato gli obblighi imposti dal regime detentivo dei domiciliari, ovvero non avere alcun rapporto con l’esterno tranne con le persone con le quali si coabita.
Due mesi dopo, lo stesso Tribunale (con una diversa composizione poiché il presidente era assente per malattia) – presidente Gilda Danila Romano, a latere Germana Radice e Francesca Loffredo – aveva accolto la richiesta dei difensori di Pittelli e aveva ripristinato i domiciliari per l’ex senatore.
Questa decisione era stata impugnata dalla Dda di Catanzaro che aveva fatto appello al Tribunale del Riesame.
Ad aprile scorso il Riesame – presidente Filippo Aragona, a latere Sara Mazzotta e Roberta Cafiero – ha accolto l’appello con il quale la Dda di Catanzaro chiedeva la misura cautelare in carcere nei confronti dell’avvocato Giancarlo Pittelli. Una decisione non immediatamente esecutiva perché si doveva attendere la decisione della Corte di Cassazione. (a.truzzolillo@corrierecal.it)

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x