Ultimo aggiornamento alle 20:45
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

l’inchiesta

Immunità diplomatica, tasse al 5% e criptovalute. Le promesse dello Stato «farsesco» scoperto a Catanzaro

Il gip sulla Repubblica teocratica antartica di San Giorgio: «Indagati davvero convinti di aver dato vita a uno Stato autonomo. Massiccia la campagna di proselitismo»

Pubblicato il: 18/08/2022 – 13:50
Immunità diplomatica, tasse al 5% e criptovalute. Le promesse dello Stato «farsesco» scoperto a Catanzaro

ROMA Una serie di soggetti «autoproclamati cittadini e governanti di un sedicente “Stato Teocratico Antartico di San Giorgio”». E che, «in tale veste, stanno tutt’ora effettuando una massiva campagna di proselitismo nei confronti di un numero notevole di persone che hanno aderito a tale progetto, pagando un corrispettivo in misura variabile per l’acquisto della cittadinanza e di alcuni documenti connessi allo status di cittadino sangiorgese». È quanto scrive il gip del Tribunale di Catanzaro, Matteo Ferrante, nell’ordinanza cautelare del procedimento “L’isola che non c’è” che ha portato agli arresti domiciliari 12 indagati.

«Come un microstato di origine medievale»

«Il fenomeno – nota il gip – anche per l’assonanza nominalistica, scimmiotta le piccole franche teocratiche di confine, microstati di origine medievale (emblematico il caso dell’Andorra), ma per le sue caratteristiche e modalità di diffusione è senz’altro assimilabile alla cosiddetta “micronazione”, dilagata a partire dagli anni 70, il cui caso più noto è senz’altro costituito dalla Repubblica Esperantista dell’Isola delle Rose». «Nonostante il carattere obiettivamente parodistico, se non addirittura farsesco, di tale preteso progetto statuale, eccentrico sin dal nome e dalla collocazione territoriale (l’Antartide, ove, per ovvie ragioni, nessuno dei pretesi membri del sedicente Stato si è mai recato)», esso appare dotato di precise caratteristiche: «L’esistenza di un apparato organizzativo apparentemente simile, per forma e struttura, a quella degli Stati sovrani, caratterizzato da presunte istituzioni governative e simboli ufficiali»; «l’emissione, in apparenza, di strumenti nazionali formali come francobolli, passaporti, titoli di studio, documenti di identità, partite Iva, onorificenze, titoli nobiliari»; «la pretesa di esercitare prerogative sovrane riservate esclusivamente alle nazioni autonome riconosciute a livello internazionale, quali «immunità diplomatica, l’extra-territorialità, il potere di assoggettamento a tassazione».

Tutte le promesse dello “Stato che non c’è”

«Per quanto possa sembrare paradossale e a tratti grottesco – si legge ancora nell’ordinanza – gli odierni indagati o, almeno, la maggior parte di essi sono davvero convinti di aver dato vita, o quantomeno di star tentando di avviare effettivamente uno Stato autonomo, ragion per la quale il semplice proselitismo, quand’anche accompagnato da attività di raccolta del denaro, non potrebbe ritenersi dolosamente preordinato alla truffa. Tuttavia, per come incontrovertibilmente emerso dall’attività di indagine, le condotte degli indagati, o quantomeno da alcuni di essi, hanno ben trasmodato il semplice tentativo di realizzare una micronazione di natura eccentrica, geograficamente minima, e politicamente effimera. Ed, infatti, pur nell’assoluta consapevolezza della totale non veridicità delle loro affermazioni, essi hanno falsamente prospettato, in cambio l’acquisto della cittadinanza da parte dei soggetti interessati, la possibilità di poter conseguire diversi benefici in realtà in alcun modo ottenibili, tra cui: una tassazione agevolata con imposta al 5% con contestuale esonero dall’imposizione in Italia; la possibile esenzione dall’Iva per gli acquisti effettuati dalle imprese aderenti; iscrizione al Pra di diversi autoveicoli a carico dello stato di San Giorgio, per evitare azioni esecutive; la possibilità di creare criptovaluta utilizzando lo stato di San Giorgio; la possibilità di ottenere titoli di studio e abilitazioni per poter esercitare determinate professioni in Italia». Ed «è evidente che nessuno dei benefici economici o giuridici promessi agli ignari aderenti poteva davvero essere conseguito attraverso l’adesione allo pseudo – Stato sangiorgese».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria

Concessionario Basic Media Servizi Srl

Telefono: 0984-391711
Cellulare: 351 8568553
Email: info@basicms.it

Design: cfweb

x

x