Ultimo aggiornamento alle 22:13
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

Elezioni politiche 2022

Il segretario Cisal: «Basta lavoro insicuro e povero, la politica si confronti con i sindacati»

Monito di Francesco Cavallaro a poche ore dal termine per la presentazione ufficiale delle liste elettorali: «Invertire tendenza»

Pubblicato il: 22/08/2022 – 16:19
Il segretario Cisal: «Basta lavoro insicuro e povero, la politica si confronti con i sindacati»

VIBO VALENTIA «Il Paese non può permettersi di tornare indietro, ma neppure accontentarsi dello stato attuale. Il lavoro dovrebbe essere al primo posto sul taccuino degli impegni di ogni candidato». Lo ha detto il segretario generale della Cisal, Francesco Cavallaro, a poche ore dal termine per la presentazione ufficiale delle liste elettorali. «Basta lavoro insicuro e povero – auspica Cavallaro –, dovrebbe essere lo slogan di tutti i partiti. Insicuro perché precario e fatto di salari bassi. Elementi di incertezza che costringono i nostri giovani a rimanere a casa con i genitori o ad emigrare all’estero e che hanno fatto calare drasticamente le nascite, rendendo l’Italia sempre più povera anche di capitale umano. Insicuro perché sempre più pericoloso».
«In Italia più di tre persone al giorno – asserisce il sindacalista – perdono la vita durante lo svolgimento della propria attività lavorativa. Povero perché le retribuzioni sono troppo basse ed anche le riduzioni del prelievo Irpef non sono determinanti per migliorare significativamente le condizioni dei singoli. Cosa dobbiamo aspettare ancora per definire le contromisure atte ad invertire questa condizione?», domanda Cavallaro. «Abbiamo bisogno di riforme decise – sollecita il segretario Cisal – per rimettere in piedi il Paese anche alla luce degli aumenti di materie prime, energia e carburanti, per mettere più soldi in tasca a lavoratori e pensionati e allo stesso tempo consentire agli imprenditori di investire su nuova forza lavoro». Secondo Cavallaro «si può e si deve fare di più per garantire maggiori risorse alle fasce più deboli». «Se aumenta il costo della vita – stigmatizza il segretario Cisal – gli stipendi non possono restare gli stessi. E non ci si può accontentare di risorse messe un po’ qui e un po’ lì per creare misure senza alcuna visione e risultati tangibili». «E poi bisogna riaprire al più presto la discussione – sollecita il sindacalista – sulle pensioni e la flessibilità in uscita, ma soprattutto, visti gli effetti, il vigente sistema di calcolo contributivo. I numeri legati a quota 100 e quota 102, ben al di sotto delle aspettative, ci dicono che le persone hanno paura di andare in pensione e preferiscono lavorare fino all’ultimo giorno utile piuttosto che mettersi in quiescenza con le normative vigenti che tagliano, e taglieranno sempre più, l’assegno mensile». «La politica si confronti di più e meglio – conclude – con tutto il mondo sindacale».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x