Ultimo aggiornamento alle 22:40
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

la crisi

Energia, Confindustria: «Siamo ad un passo dal baratro, chiuderemo tutti»

Il presidente Colacchio: «Produciamo debiti per sopravvivere sul mercato». Callipo ha attivato la cassa integrazione guadagni

Pubblicato il: 08/09/2022 – 14:26
Energia, Confindustria: «Siamo ad un passo dal baratro, chiuderemo tutti»

VIBO VALENTIA È scattata la cassa integrazione guadagni per i dipendenti della Callipo, la nota azienda produttrice di prodotti agroalimentari con sede a Maierato (Vibo Valentia), annunciata nei giorni scorsi all’Agi dal presidente Filippo Callipo. La decisione è stata assunta, ha spiegato Callipo, alla luce del vertiginoso aumento delle tariffe elettriche. I lavoratori si fermeranno a turno per un giorno a settimana fino a fine anno.
«Sono mesi che lanciamo allarmi, ma nessuno ci sta a sentire e la situazione non è più sostenibile. Io perdo qualcosa come tremila euro al giorno, non si può andare avanti così», ha dichiarato stamane all’Agi il presidente della Confindustria di Vibo Valentia, Rocco Colacchio.
«Il metano una volta costava venti centesimi a metro cubo, ora è intorno ai tre euro, come facciamo? Noi – afferma Colacchio, titolare di un pastificio e di un biscottificio –consumiamo 600 metri cubi al giorno, i nostri forni lavorano e hanno giustamente alti consumi. Il settore degli alimentari è quello più colpito: noi non possiamo aumentare i prezzi del 50 o 60 per cento, sarebbe folle, chi comprerebbe più i nostri prodotti? Quindi noi stiamo facendo debiti per continuare a stare sul mercato, ma non so fino a quando resisteremo. Lo sostengo da marzo del 2022, lo abbiamo detto a luglio al governatore Occhiuto quando è venuto in Calabria il presidente di Confindustria Bonomi: siamo ad un passo dal baratro. Gli aumenti sono enormi e sotto gli occhi di tutti. La politica cosa fa? Le industrie alimentari sono le più colpite, non possiamo aumentare i prezzi. Rischiamo tutti – conclude – di dover fermare la produzione: a marzo siamo stati fermi tre settimane, poi i prezzi si sono calmierati e abbiamo riaperto, ma adesso siamo al punto di rottura».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x