Ultimo aggiornamento alle 23:34
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

la diretta

Furgiuele: «Cittadini “ricattati” dal reddito di cittadinanza, politicamente quello per il M5S è voto di scambio»

L’esponente della Lega: «Faremo capire a questi elettori che un’alternativa c’è. Per noi è l’anno zero, vogliamo ripartire»

Pubblicato il: 26/09/2022 – 10:11
Furgiuele: «Cittadini “ricattati” dal reddito di cittadinanza, politicamente quello per il M5S è voto di scambio»

LAMEZIA TERME In campagna elettorale «abbiamo vissuto la difficoltà di doverci confrontare con delle persone politicamente ricattate dai 5 Stelle». Così l’esponente della Lega Domenico Furgiuele, ospite su “L’altro Corriere Tv” (canale 75) a “L’altra Politica-Speciale elezioni”. Furgiuele, in testa alla Camera nel collegio Corigliano-Rossano, commenta la campagna elettorale portata avanti dal Movimento 5 Stelle di Giuseppe Conte, parlando di «voto di scambio» e di «ricatto» riferendosi alla misura del reddito di cittadinanza. «Ma abbiamo vinto – ha aggiunto – perché evidentemente siamo stati più bravi a portare un messaggio, a portare delle idee che hanno sovrastato quella voglia di assistenzialismo che purtroppo ha pervaso per colpa del Movimento 5 Stelle». «Ci impegneremo – ha aggiunto Furgiuele – per fare capire a questi elettori, politicamente ricattati dal reddito di cittadinanza, che un’alternativa c’è, che si può lavorare e si può cercare di avere una dignità»
Commentando il risultato che lo vede per la Camera in testa nel collegio Corigliano-Rossano, Furgiuele ha detto: «Non è stato facile e nessuno aveva pensato potesse essere facile. C’erano diversi coefficienti di difficoltà rispetto a quello che era la mia candidatura in quel collegio che non era di mia appartenenza ma che era comunque in parte di mia territorialità». Soffermandosi poi sui dati del partito a livello nazionale e regionale l’esponente leghista ha osservato: «È chiaro che aver voluto partecipare ad un governo di emergenza, con la speranza di poter risolvere qualcuna delle emergenze che noi abbiamo palesato al governo Draghi, sicuramente non ci ha fatto aumentare di punti percentuali, anzi ci ha penalizzato». Per quello che concerne l’organizzazione nella regione Furgiuele ha definito «fallimentari» alcuni «commissariamenti territoriali». L’esponente leghista si è poi detto «contento del dato regionale calabrese che è un dato importante dal quale ripartire». «La Lega – ha concluso – non è una meteora, io ne sono una testimonianza. Ne sono testimonianze quattro consiglieri regionali, di cui il Presidente del Consiglio regionale, un assessore uscente che adesso è diventato senatrice. Quindi da questo dato noi vogliamo ripartire. Ne approfitto anche per rivolgermi ai tanti leghisti di Calabria, per dire che questo è l’anno zero. Anno zero, vuol dire prendere consapevolezza che determinate scelte non hanno avvantaggiato il partito sul territorio». (redazione@corrierecal.it)

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x