Ultimo aggiornamento alle 20:42
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 4 minuti
Cambia colore:
 

l’inchiesta

Illeciti al porto di Catanzaro, la Procura chiede il processo per Mellea e sei funzionari comunali – NOMI

Il dirigente Ottaviano e gli altri imputati avrebbero rilasciato false attestazioni per dare alla Navylos l’affidamento di un’area demaniale marittima

Pubblicato il: 27/09/2022 – 18:10
di Alessia Truzzolillo
Illeciti al porto di Catanzaro, la Procura chiede il processo per Mellea e sei funzionari comunali – NOMI

CATANZARO La Procura di Catanzaro ha chiesto il processo nei confronti di sei persone riguardo alla vicenda dei pontili a Catanzaro Lido. Si tratta del collaudatore nominato dal Comune di Catanzaro Giuseppe De Angelis, 55 anni, di Sant’Agnello, provincia di Napoli; del direttore dei lavori Matteo Andreacchio, 43 anni, di Catanzaro; del collaudatore nominato dal Comune di Catanzaro Maurizio Benvenuto, 62 anni, di Sellia Marina; del legale rappresentante e amministratore unico della Navylos srl Raoul Mellea, 43 anni, di Catanzaro; del direttore dei lavori Pierpaolo Pullano, 55 anni, di Catanzaro; del responsabile del settore Patrimonio, Provveditorato, Demanio del Comune di Catanzaro Adelchi Andrea Ottaviano, 59 anni, originario di San Giorgio a Cremano e residente a Lamezia; del funzionario del settore Patrimonio, Provveditorato, Demanio Vincenzo Carioti, 64 anni, di Catanzaro. Stralciata la posizione dell’istruttore amministrativo Marzia Milano, 46 anni, di Catanzaro. Il gip ha fissato l’udienza per il prossimo 16 novembre. Il caso riguarda i presunti illeciti commessi nell’installazione dei pontili a Catanzaro Marina.
Gli indagati sono accusati di diverse ipotesi di falsità ideologica commessa dal pubblico ufficiale, falsità ideologica commessa dal privato in atto pubblico, abuso d’ufficio, turbata libertà degli incanti e illeciti sul codice della navigazione.
Avrebbero certificato il collaudo tecnico-amministrativo dei pontili al porto di Catanzaro Lido, sui lotto uno e due, e dichiarato falsamente di avere esaminato la documentazione fatta pervenire dalla ditta installatrice quando, in realtà, l’unica documentazione esibita dalla ditta Navylos srl e visionata dal collaudatore era solo quella riguardante i moduli dei pontili (due su 40 installati). Secondo l’accusa la Navylos non possedeva i requisiti per aggiudicarsi la gara per l’affidamento di due lotti di area demaniale marittima per un’estensione 4000 metri cubi, nel porto di Catanzaro Marina. Ma Adelchi e Carioti avrebbero attestato falsamente, agendo per soddisfare gli interessi di Mellea, che la ditta era in possesso dei requisiti.

Le concessioni del dirigente Ottaviano a Mellea

Tra l’altro il responsabile del settore Patrimonio, Provveditorato, Demanio del Comune di Catanzaro avrebbe rilasciato a favore della Navylos di Mellea una concessione demaniale marittima, nel 2016, con cui riconosceva alla ditta lo sfruttamento duna una ulteriore superficie di demanio di 34,5 metri cubi e una concessione demaniale marittima nel 2017, con la quale riconosceva una ulteriore area di demanio marittimo di 2.100 metri cubi.
Le concessioni che Ottaviano avrebbe elargito, illecitamente, a Mellea sarebbero state diverse, dalla facoltà di proseguire, per altri due anni, con l’occupazione e lo sfruttamento del delle aree demaniali marittime, all’omissione di ingiungere alla società, alla scadenza della durata della concessione demaniale, di liberare l’area.
A gennaio 2021, inoltre, Ottaviano e Marzia Milano avrebbero, attraverso una determina, disposto l’aggiudicazione definitiva del lotto numero due del porto di Catanzaro Marina alla Navylos srl pur essendo a conoscenza della mancanza dei requisiti previsti nel bando, con danno della altre ditte partecipanti. Ottaviano e Milano, inoltre, avrebbero dichiarato falsamente di avere “positivamente effettuato” le verifiche in merito al possesso dei requisiti previsti dal bando di gara da parte della Navylos srl.

I mancati requisiti di Mellea

Raoul Mellea è, inoltre accusato di avere reso false dichiarazioni, nel rispondere al bando di gara, nella parte in cui dichiarava di essere in possesso dei requisiti finanziari e contabili. Avrebbe dhiarato di possedere il Documento unico di recgolarita contributiva (Durc) e di non avere debiti irrisolti nei confronti dell’amministrazione comunale, quando, al contrario, avrebbe regolarizzato il Durc solo dopo la partecipazione alla gara e risultasse debitore nei confronti del Comune di oltre 22mila euro.
Mellea, inoltre, avrebbe occupato abusivamente – mediante il posizionamento di di corpi morti per ormeggio di pontili – uno spazio demaniale di 120 metri quadri non ricompreso nello specchio d’acqua del porto di Catanzaro Marina oggetto della concessione demaniale marittima.
Il prossimo 16 novembre discuteranno su queste posizioni l’accusa – rappresentata dai sostituti procuratori Chiara Reale e Stefania Caldarelli – e le difese. Gli indagati sono difesi dai legali Claudio Botti, Jole Le Pera, Natale Ferraiuolo, Giuseppe Mussari, Vincenzo De Caro, Leone Vitaliano, Francesco Iacopino, Amedeo Bianco. (a.truzzolillo@corrierecal.it)

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x