Ultimo aggiornamento alle 20:20
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 4 minuti
Cambia colore:
 

i suggerimenti

Mercato criptovalutario: cosa aspettarsi da Bitcoin nei prossimi mesi? Il punto degli analisti

Il valore del passato e le attese per il futuro. Come investire in Bitcoin: proprietà o CFD. La scelta del broker online

Pubblicato il: 27/09/2022 – 15:36
Mercato criptovalutario: cosa aspettarsi da Bitcoin nei prossimi mesi? Il punto degli analisti

Non è semplice riuscire a stimare in modo preciso quale sarà l’andamento del valore del Bitcoin nei prossimi mesi, trattandosi di una valuta digitale, estremamente volatile. Ma gli analisti sono in grado di fare stime, che potrebbero realizzarsi al verificarsi di determinate situazioni.

Il mercato criptovalutario è un mercato in continua crescita, dal punto di vista dei numeri di asset scambiati e di trader che operano su di esso; moltissimi broker online sono ormai in grado di offrire Bitcoin, ed accedere alla crypto più famosa e scambiata al mondo è ormai alla portata di tutti.

Bitcoin: il valore del passato e le attese per il futuro

Il Bitcoin, la prima e più famosa valuta digitale, è stata creata nel 2009 con un valore di 1 dollaro; la crescita è stata esponenziale, fino a raggiungere il valore massimo nel 2012 di quasi 60.000 dollari. Si è sempre caratterizzata per continui e repentini aumenti e riduzione di valore, tipico di tutte le valute digitali scambiate su di un mercato non regolamentato. Nonostante si tratta di una criptovaluta, non riconosciuta a livello internazionale, alcuni stati, come ad esempio El Salvador ha acquisito il Bitcoin come seconda valuta a corso legale. Questo implica che il valore del Bitcoin si sta ancorando anche alla vita reale; questo avvenimento potrebbe frenare e ridurre le improvvise oscillazioni del suo valore.

Per conoscere l’andamento futuro di BTC, è possibile fare riferimento alle previsioni Bitcoin esatte presenti sul portale Guidacriptovalute.com, sito web specializzato nell’ambito della formazione finanziaria con un occhio di riguardo nei confronti del mondo crypto. Gli analisti del settore sono concordi nell’affermare che il suo valore crescerà nel futuro, stimando che potrebbe raggiungere i 400.000 dollari nel 2030. Trattandosi di una stima ovviamente non c’è certezza; ma investire in questa valuta digitale potrebbe riservare delle positive sorprese nel futuro a medio/lungo termine.

Come investire in Bitcoin: proprietà o CFD

I numerosi broker online che offrono la possibilità di investire in Bitcoin sono in grado di proporre ai propri trader due differenti tipologie di investimenti in Bitcoin: la proprietà della valuta o l’acquisto di un contratto derivato.

Acquistando la proprietà di Bitcoin se ne entra in possesso, mettendo la valuta in un wallet a sé intestato. Con la compravendita di contratti derivati invece si acquista o si vende il contratto CFD, il cui prezzo cambia al variare del valore di Bitcoin. L’acquisto di CFD viene fatto solamente per scopo speculativo, invece il possedere Bitcoin su di un wallet potrebbe essere anche una strategia per accumulare ricchezza nel tempo.

Dove acquistare Bitcoin: la scelta del broker online

Sono centinaia le piattaforme di investimento online che offrono la possibilità di acquistare Bitcoin; è certo che se un broker offre ai propri trader le criptovalute, tra queste ci sarà sicuramente il Bitcoin. Ma scegliere il giusto broker è fondamentale per non incorrere in truffe e cercare di massimizzare l’eventuale profitto.

Per prima cosa il broker online deve essere sicuro e regolamentato; deve quindi essere autorizzato e vigilato da organi di vigilanza, quali ad esempio Consob, CySec o FCA. Inoltre deve garantire un certo livello di sicurezza nell’accesso all’account e un elevato livello di privacy e cyber sicurezza.

Un altro elemento importante che un broker online deve essere in grado di offrire ai propri utenti è la garanzia di permettere di eseguire transazioni a bassi costi e di poter ridurre al minimo o azzerare i costi fissi. Molti broker online non hanno costi fissi o costi in fase di apertura; per quanto riguarda le singole transazioni di compravendita, queste devono essere eseguite sulla piattaforma con costi variabili che siano i più bassi possibili, in quanto lo spread potrebbe influenzare sull’eventuale perdita o guadagno dell’operazione. Costi fissi e costi variabili di un broker online devono quindi essere i più bassi possibili.

Per ultimo, il broker online deve garantire la possibilità di scambiare in ogni momento il CFD o la proprietà del Bitcoin; deve quindi essere in grado di trattare sui principali mercati, dove il Bitcoin è scambiabile facilmente e in tempi molto ridotti.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x