Ultimo aggiornamento alle 12:13
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

L’affondo

Sanità, Bruni attacca Occhiuto: «Non può ragionare come un uomo qualunque, la Calabria ci chiede serietà»

Affondo della leader dell’opposizione al governatore: «Sorprendono le esternazioni sul programma operativo sanitario»

Pubblicato il: 15/11/2022 – 11:39
Sanità, Bruni attacca Occhiuto: «Non può ragionare come un uomo qualunque, la Calabria ci chiede serietà»

CATANZARO «Rimango sorpresa dalle esternazioni del Presidente Occhiuto, sul tema sanità, che testualmente dice: “Se il programma operativo non ci verrà restituito approvato entro fine anno, comunicherò al ministro della Salute e al ministro dell’Economia che non mi siederò più al Tavolo Adduce”». Lo scrive in una nota Amalia Bruni, leader dell’opposizione in Consiglio Regionale che aggiunge: «Tale affermazione risulta priva di una visione strategica e di un progetto chiaro su come riorganizzazione la sanità che porta il Presidente Occhiuto ad invocare un qualunquismo da “passante della politica” che non aiuta, dunque, i processi di governo della sanità in Calabria, ma anzi ne aumenta la confusione».
«Le azioni da “uomo qualunque”, alle quali Occhiuto si presta – sottolinea Bruni – hanno evidenti radici nel fatto che vi è la volontà di nascondere mancanze proprie. Ci saremmo aspettati un atteggiamento diverso. La storia della nostra terra ci rimanda ad un quadro in cui la delegittimazione degli organi di governo, preposti a dare risposte efficaci ai bisogni dei cittadini, è stata strategicamente fallimentare».
«Il Governatore della Calabria dovrebbe lavorare al rafforzamento dei rapporti istituzionali – afferma ancora la leader dell’opposizione – contribuendo ad una sinergia istituzionale e non addossando le proprie responsabilità ad altri. Si accorge solo ora che governare questa Regione è difficile e complicato ma nessuno aveva mai pensato che sarebbe stato una passeggiata, delle due l’una, o ha sottovalutato le difficoltà a cui andava incontro, o ha sopravvalutato i suoi mezzi quando ha chiesto di mettersi al timore della Calabria. In entrambi i casi ci troviamo di fronte a un problema serissimo. Il gioco dello scaricabarile non può consumarsi sulla pelle della collettività». 
«La Calabria ci chiede serietà – conclude -. La serietà di chi ha l’onore e l’onere di governare e non subire i processi».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x