Ultimo aggiornamento alle 23:07
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 1 minuto
Cambia colore:
 

Il processo

‘Ndrangheta stragista, Graviano non avrà il supporto informatico

La richiesta del boss processato a Reggio Calabria come uno dei mandanti del duplice omicidio dei carabinieri Fava e Garofalo è stata bocciata dal ministero della Giustizia

Pubblicato il: 21/11/2022 – 12:56
‘Ndrangheta stragista, Graviano non avrà il supporto informatico

REGGIO CALABRIA Giuseppe Graviano, boss del mandamento palermitano di Brancaccio, processato a Reggio Calabria come uno dei mandanti del duplice omicidio dei carabinieri Antonino Fava e Vincenzo Garofalo, avvenuto il 18 gennaio del 1994 nell’ambito della cosiddetta “stagione delle stragi” voluta da Cosa nostra, da settori della ‘ndrangheta calabrese e della massoneria “spuria”, non avrà assegnato il supporto informatico. La richiesta di Graviano era stata accolta con parere positivo dalla Corte d’Assise d’Appello e dal Pg di udienza, Giuseppe Lombardo, al fine di consentire all’imputato di potere consultare i documenti relativi alla sua posizione processuale, in particolare alcuni file audio, frutto di intercettazioni. Il presidente Bruno Muscolo, intervenendo in dibattimento, ha riferito oggi alle parti della decisione del ministero della Giustizia. La posizione ministeriale conferma passate decisioni della Corte di Cassazione relative ai detenuti al 41 bis, ripresa anche nei regolamenti di polizia penitenziaria. Il dibattimento è in corso con l’interrogatorio dei collaboratori di giustizia Marcello Fondacaro e Girolamo Bruzzese.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x