Ultimo aggiornamento alle 23:06
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

L’intervento

Unindustria Calabria: «Dalla legge di Bilancio 2023 pesanti conseguenze negative per il Mezzogiorno»

Il presidente Aldo Ferrara: «Esprimo grande preoccupazione a nome degli industriali della nostra regione»

Pubblicato il: 02/12/2022 – 13:57
Unindustria Calabria: «Dalla legge di Bilancio 2023 pesanti conseguenze negative per il Mezzogiorno»

CATANZARO «Esprimo grande preoccupazione a nome degli industriali calabresi, in merito alla legge di Bilancio 2023, approvata dal governo lo scorso 21 novembre per un valore di circa 35 miliardi di euro. Una manovra che trascura tutti gli strumenti agevolativi che hanno consentito al sistema produttivo del Mezzogiorno di mantenere la propria competitività nei mercati, sopravvivendo alle enormi difficoltà sopravvenute negli ultimi anni». È quanto afferma il presidente di Unindustria Calabria, Aldo Ferrara. «Nella legge di Bilancio – continua Ferrara – che ha iniziato da poco il suo iter parlamentare, non c’è traccia, infatti, di nessuna delle agevolazioni previste, fino ad oggi, per il Mezzogiorno. In particolare non è stato previsto alcun intervento di proroga per il credito di imposta, per quello correlato alle aree Zes e per gli investimenti nel Mezzogiorno che scadranno il prossimo 31 dicembre. Nonostante si intravedano alcuni spiragli per la Decontribuzione Sud rimane ferma, comunque, la preoccupazione anche per questa importante misura».

Le conseguenze negative per il Sud

«Cancellare di colpo queste importanti agevolazioni – afferma ancora il presidente di Unindustria Calabria – molto utilizzate dalle imprese del Sud anche alla luce dei recenti dati diffusi dalla Svimez che vede un Sud in recessione, non può che produrre, inevitabilmente, per il Mezzogiorno pesanti conseguenze negative, aggravando una situazione economica già fortemente compromessa dalla pandemia, dai rincari energetici e dalla guerra in Ucraina, a cui si aggiungono, peraltro, anche i pesanti ritardi registrati nell’attuazione del Pnrr. L’inverno demografico che riguarda tanti giovani del Mezzogiorno costretti ad emigrare per mancanza di occasioni di lavoro, continuerà senza sosta senza un piano di stimolo agli investimenti produttivi. Appare davvero inverosimile, con l’enorme quantità di risorse finanziare stanziate dall’inizio dell’anno per fare fronte alle tante emergenze, non riuscire a destinare un miliardo non per politiche assistenziali, ma per investimenti nell’area più debole del paese.
Auspichiamo, quindi – conclude il presidente Ferrara– un intervento tempestivo da parte del governo sulla questione per rendere definitive e strutturali queste misure, al fine di rassicurare le imprese, rispetto ad impegni futuri, consentendogli di pianificare le proiezioni programmatiche con più serenità e ottimismo».          

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x