Ultimo aggiornamento alle 15:44
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

tensioni

Nomine laiche al Csm, muro pentastellato contro Giuseppe Valentino. «Mi ritiro»

Tensioni in Parlamento dove si vota per i membri del Csm. Passo indietro del penalista reggino, finito in un’inchiesta contro la ‘ndrangheta

Pubblicato il: 17/01/2023 – 17:52
Nomine laiche al Csm, muro pentastellato contro Giuseppe Valentino. «Mi ritiro»

ROMA C’è stata alta tensione per l’indicazione di Giuseppe Valentino come membro laico del Csm. L’ex sottosegretario alla Giustizia nel governo Berlusconi è indagato per reato connesso a quello di alcuni imputati nel processo “Gotha”, procedimento imbastito dalla Dda di Reggio Calabria contro il “direttorio” della ‘ndrangheta. Il nome di Valentino non è piaciuto proprio ai parlamentari del Movimento 5 Stelle. Il penalista reggino, già parlamentare del Popolo della libertà dal 1996 al 2013, era stato indicato dal Fratelli d’Italia, secondo fonti parlamentari, quale vicepresidente del Consiglio superiore della magistratura.
Sul nome di Valentino i pentastellati avrebbero fatto muro nel corso della riunione del Parlamento in seduta comune per eleggere i membri laici del Csm, tanto che, si legge in un lancio dell’Adnkrons, «il partito di Giorgia Meloni ha deciso di non rispondere alla prima chiama». «I dubbi sarebbero poi stati sciolti – si legge ancora – dopo un chiarimento tra i meloniani e i pentastellati».
Una vera e propria fronda che ha portato lo stesso ex sottosegretario ad annunciare il ritiro dalla corsa. «Per quanto vergognosa, inconcepibile e bugiarda – afferma Valentino annunciando il proprio passo indietro dalla candidatura come membro laico del Csm – nessuna palata di fango potrà mai scalfire la mia credibilità, la mia onorabilità e la mia onestà. Ritiro per questo motivo la mia candidatura al Csm».
E subito dopo l’annuncio di Valentino, è arrivato anche il cambio in corsa del nome del candidato in quota Fratelli d’Italia per i membri laici del Csm. Al posto dell’ex parlamentare reggino a rappresentare i meloniani sarà l’avvocato Felice Giuffré. Fratelli d’Italia comunque ha contestato l’atteggiamento dei pentastellati parlando di «fango» contro Valentino. A difendere Valentino il deputato meloniano Antoniozzi: «Un galantuomo come Peppino Valentino si è tirato fuori dalla corsa per il Csm dopo essere stato mascariato con un vergognoso metodo goebbelsiano dai cinquestelle. Valentino ha dimostrato ancora una volta dì essere un signore – dice Antoniozzi – un nobiluomo integerrimo con un forte senso dello Stato che ha anteposto gli interessi della nazione rinunciando a un’elezione meritata ed essendo vittima dell’ennesima, triste pagina del giacobinismo».
Questo l’elenco dei dieci candidati sui quali si conferma l’intesa tra maggioranza e opposizione: Isabella Bertolini, Daniela Binachini, Felice Giuffré, Rosanna Natoli, Claudia Eccher, Fabio Pinelli, Enrico Aimi, Roberto Romboli, Michele Papa ed Ernesto Carbone. (redazione@corrierecal.it)

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x