Ultimo aggiornamento alle 14:01
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

consiglio regionale

Da Azienda Zero alle locazioni per le forze dell’ordine e agli impianti di risalita: in arrivo un’altra “Omnibus”

Sanità e non solo: nuova proposta di legge della maggioranza di centrodestra per intervenire nei settori più disparati

Pubblicato il: 11/02/2023 – 18:04
Da Azienda Zero alle locazioni per le forze dell’ordine e agli impianti di risalita: in arrivo un’altra “Omnibus”

Ancora e sempre “Omnibus”. La pratica della maggioranza di centrodestra alla Regione di varare provvedimenti che, in un unico testo, legiferano su argomenti vari e soprattutto slegati tra di loro è sempre più una costante. A memoria, dall’inizio di questa legislatura, sono state almeno tre le leggi “omnibus” portate in Consiglio regionale e e poi regolarmente approvate (alcune in realtà tra le pieghe prefiguravano anche importanti riforme), e ora ne arriva una quarta. In totale 12 articoli, che abbracciano campi diversissimi tra di loro: si va dalle politiche comunitarie all’uso della cannabis per finalità terapeutiche, dalla sanità al sostegno alle forze armate e dell’ordine, per finire agli impianti di risalita. Almeno tre le motivazioni alla base delle “Omnibus” tanto care al centrodestra:anzitutto mettere una pezza a smagliature normative in modo da non incappare nella “reprimenda” del governo nazionale sotto forma di impugnazione davanti la Corte Costituzionale, e quindi adempiere al principio di “leale collaborazione” istituzionale (e non solo) con Palazzo Chigi, modificare norme non perfettamente calibrate in prima battuta e poi magari intervenire per venire incontro a esigenze politiche e amministrative da “sanare”. E così, anche in questo testo “onnicomprensivo” (il cui firmatario è il consigliere regionale di Fratelli d’Italia Antonio Montuoro) ecco una serie di disposizioni che riguardano la sanità in alcuni aspetti particolarmente rimarcati dal governatore e commissario Roberto Occhiuto: il tema del personale e quello di Azienda Zero. Sotto il primo aspetto, la proposta di legge in parola modifica il testo sulle prestazioni aggiuntive e sugli incentivi per gli ospedalieri che si rendono disponibili a operare anche nei pronto soccorso espungendo dall’originari previsione gli specializzandi, e inoltre prevede per il commissario la possibilità di individuare e mettere “profili professionali appartenenti all’area della dirigenza sanitaria, medica e veterinaria” del Ssr a disposizione del Dipartimento Tutela della Salute e di Azienda Zero. Sempre Azienda Zero, la cui disciplina  dovrà tra l’altro essere ulteriormente “ritoccata” ( e sarebbe anche qui almeno la terza volta) su input del Tavolo Adduce, secondo un’altra noma di questa “Omnibus”«può avvalersi di personale in utilizzo temporaneo dalla Regione, da Aziende ed enti del servizio sanitario regionale. Al predetto personale può essere affidata la gestione di procedimenti amministrativi, con conseguente assunzione della relativa responsabilità».  Infine da segnalare l’impegno della Regione a garanzia dei “presìdi di legalità”: nella “Omnibus” infatti si autorizza la Giunta a «concedere contributi nel limite massimo di euro 200.000,00 per ciascuna delle annualità 2023-2025, finalizzato al sostenimento dei canoni di locazione degli immobili destinati alle forze dell’ordine».  La proposta di legge sarà quanto prima (verosimilmente) all’esame della prima seconda, terza e quarta commissione del Consiglio regionale.  (c. a.)

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x