Ultimo aggiornamento alle 23:03
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

la crisi economica

Commercio, chiudono due negozi ogni ora. Ma in Calabria si resiste un po’ di più

La fotografia di Confesercenti che chiede un aiuto fiscale per mantenere aperti i negozi. Nel Sud Italia dati meno severi

Pubblicato il: 12/02/2023 – 8:00
Commercio, chiudono due negozi ogni ora. Ma in Calabria si resiste un po’ di più

ROMA Nel 2022 sono spariti una media di oltre due negozi ogni ora. Non solo. Le imprese che riescono ad aprire sono sempre di meno. La Calabria, però, e più in generale il Sud Italia, resiste. È questa la fotografia scattata da Confesercenti che si inserisce in un contesto in cui creare un’impresa nel commercio al dettaglio è «un sogno sempre più difficile da realizzare». Ed è per questo che per Confesercenti servirebbe un aiuto fiscale per mantenere aperti i negozi. Tanto che – continua Confesercenti – «nel 2022 sono nate solo 22.608 nuove attività, il 20,3% in meno del 2021. Un numero del tutto insufficiente a compensare le oltre 43mila imprese che hanno abbassato per sempre la saracinesca, e che fa chiudere l’anno con un bilancio negativo per oltre 20mila unità», per una media quindi «di oltre due negozi spariti ogni ora».
La situazione riguarda tutto il territorio nazionale anche se la perdita più alta è in Campania (-2.707 negozi); seguono, il Lazio (-2.215), la Sicilia (-2.142), e la Lombardia (-2.123). Ma la perdita peggiore in termini relativi è quella delle Marche (-8,8% sul 2021). «La ripartenza post-pandemia – osserva la presidente di Confesercenti Patrizia De Luise – non è riuscita a infondere nuovo slancio alle piccole imprese del commercio al dettaglio. Aprire una nuova attività di commercio di vicinato, in un mercato crescentemente dominato da grandi gruppi e giganti dell’on-line, è sempre più difficile».

Nelle regioni del Sud il tessuto del commercio resiste, Calabria al 18,7%

Il dato delle aperture del 2022 – viene spiegato – è «il più basso degli ultimi 10 anni, inferiore del -47,9% non solo al valore del 2012 ma anche rispetto al 2020. Il calo delle nuove aperture è rilevante soprattutto in Sardegna (-33,2% rispetto al 2021), Piemonte (-29,3%) e Umbria (-27,3%)». Tra chiusure e mancate aperture, il numero di negozi di vicinato al servizio della comunità è «calato, rispetto al 2012, del -14,3% circa. Nelle province autonome di Trento e Bolzano, ormai, ci sono solo 6,9 imprese del commercio ogni mille abitanti; in Friuli-Venezia Giulia 7,8, e in Lombardia 8,4». Nelle regioni del Sud il tessuto del commercio «resiste un po’ di più, in particolare in Campania (19,7 imprese ogni mille abitanti), Calabria (18,7), e Sicilia e Puglia (entrambe con 15,1)». «A rischio – conclude De Luise – c’è il pluralismo del sistema distributivo e il servizio ai cittadini. Occorre aiutarlo, puntando di più sulle politiche attive, a partire dalla formazione imprenditoriale. Ma servirebbe una spinta anche sul piano fiscale, con un regime agevolato».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x