Ultimo aggiornamento alle 23:16
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

promozione turistica

Locride, ecco il progetto “ItaCa”. «Desideriamo che la gente voglia venire a vivere qui» – VIDEO

Il promotore è Filippo Strano, originario di Bovalino e console onorario in Messico. Coinvolti 19 Comuni. “Riviera Cristallina” il nome del brand

Pubblicato il: 04/03/2023 – 15:52
di Mariateresa Ripolo
Locride, ecco il progetto “ItaCa”. «Desideriamo che la gente voglia venire a vivere qui» – VIDEO

SAN LUCA “Itaca”, come la patria di Ulisse e la terra del “ritorno”. Ma anche come Italia-Cancun, due terre che si uniscono nella figura di Filippo Strano, originario di Bovalino, in provincia di Reggio Calabria, e console onorario a Cancún, in Messico. È proprio “ItaCa” il nome del progetto che Strano ha ideato coinvolgendo 19 Comuni della Locride. Un progetto che vede al centro lo sviluppo e la promozione culturale e turistica di un territorio ricco di storia e di risorse, attraverso la cooperazione di associazioni, istituzioni e attività operanti all’interno dell’area. «Non stiamo chiedendo fondi pubblici, è un progetto il cui ingrediente fondamentale è l’entusiasmo», ha spiegato Filippo Strano nel corso della presentazione del progetto avvenuta questa mattina a San Luca alla presenza di sindaci, associazioni e attività del territorio. Presente anche l’assessore regionale al Lavoro Giovanni Calabrese.
“Riviera Cristallina”, il nome del brand scelto e svelato questa mattina insieme al logo. «Un logo attivo e dinamico, che si adatta ai diversi segmenti di mercato ai quali ci dirigeremo».

«Territorio ricco, desideriamo che la gente voglia venire a vivere qui»

Diversi i punti di forza del territorio, secondo Strano: «l’ospitalità dei calabresi, il patrimonio dal punto di vista culturale, naturalistico, paesaggistico, archeologico e storico». Punti di forza che se valorizzati e potenziati potrebbero non solo evitare che sempre più giovani decidano di andarsene, ma potrebbero attirarne altri. «Desideriamo che la gente voglia venire a vivere qui, perché ci saranno opportunità di lavoro e perché le condizioni saranno in linea con quello che cercano», ha spiegato Strano, che lavora sul progetto dal 2018. «E’ un progetto complesso e articolato che ha come finalità, a lunghissimo termine, quella di creare un flusso importante di turisti nazionali, locali e internazionali nella zona, una zona delimitata in una prima fase con un brand, che poi si espanderà nel corso del tempo. Cominciamo dalla rigenerazione del tessuto sociale di attivazione dei paesi e dei centri dei paesi, per poi passare alla commercializzazione di un prodotto turistico ben definito, ben delimitato e segmentato».

«E’ un progetto nuovo e diverso di sviluppo turistico del territorio», ha commentato Giovanni Calabrese, assessore regionale che ha ricoperto per dieci anni il ruolo di sindaco di Locri. «Un’opportunità nuova per la Locride, – ha detto ancora Calabrese – un progetto che parte dal basso e fatto di idee, e che si auspica possa portare benefici in un territorio che è stato spesso maltrattato, ma che ha enormi potenzialità dal punto di vista culturale e delle bellezze naturalistiche».
«Tutti noi sindaci della Locride – ha affermato il primo cittadino di Bovalino Vincenzo Maesano – dovremmo insistere e porre in essere iniziative e attività sempre di territorio e non più soltanto di semplice ambito comunale. Solo questo ci può davvero far fare il salto di qualità come Locride». (redazione@corrierecal.it)

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x