Ultimo aggiornamento alle 18:46
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

i dati

Viminale: intimidazioni e violenze ai giornalisti in calo

Nel 2022 diminuzione pari al 52% rispetto al 2021. Piantedosi: «L’attenzione resti alta»

Pubblicato il: 06/04/2023 – 12:13
Viminale: intimidazioni e violenze ai giornalisti in calo

MILANO Calano gli atti intimidatori nei confronti dei giornalisti: nel 2022 sono stati 111 rispetto ai 232 del 2021, con una diminuzione pari al 52%. E’ quanto emerso dalla riunione del “Centro di coordinamento per le attività di monitoraggio, analisi e scambio permanente di informazioni sul fenomeno degli atti intimidatori nei confronti dei giornalisti” presieduta al Viminale dal ministro dell’Interno Matteo Piantedosi. All’incontro, dedicato a un’accurata analisi dei più recenti fatti di intimidazione e violenza nei confronti dei professionisti dell’informazione, hanno partecipato anche il Sottosegretario Nicola Molteni, il Capo di Gabinetto Maria Teresa Sempreviva, il Capo della Polizia-Direttore Generale della Pubblica Sicurezza Lamberto Giannini, la Consigliera Segretaria del Consiglio Nazionale dell’Ordine dei Giornalisti Paola Spadari e il Presidente della Federazione Nazionale Stampa Italiana Vittorio Di Trapani. Il calo degli espisodi di intimidazione e violenze nei confronti dei giornalisti appare più significativo alla luce del trend crescente che aveva invece caratterizzato gli anni precedenti: nel 2021 si era avuto un aumento del 42% dei casi, rispetto ai 163 del 2020, anno in cui pure si era avuta una crescita dell’87% rispetto al 2019, quando gli episodi erano stati 87. Analogo decremento si attesta nei primi due mesi del 2023: 14 gli atti denunciati rispetto ai 28 riferibili allo stesso periodo del 2022.

Piantedosi: «L’attenzione resta alta»

Il risultato, evidenzia una nota del Viminale, è frutto dello sforzo comune profuso da prefetture, forze di polizia e rappresentanti dell’Ordine dei giornalisti e della Federazione nazionale della Stampa. Il dato va tuttavia attentamente valutato anche alla luce di una possibile tendenza alla diminuzione delle denunce da parte delle vittime. «Pur a fronte di una diminuzione dei casi, rimane alta l’attenzione delle Istituzioni a difesa dell’attività dei giornalisti, per tutelare la funzione fondamentale svolta dal mondo dell’informazione. Per questo c’è il massimo impegno del Viminale a rafforzare le azioni sul fronte della prevenzione e della repressione di ogni minaccia o intimidazione subita dai giornalisti», commenta il ministro Piantedosi. Tra le regioni che hanno fatto registrare nel 2022 un maggior numero di eventi o denunce vi sono Lazio, Lombardia, Campania, Calabria e Sicilia, con 76 episodi complessivi, pari al 68,5% del totale. Durante la riunione, dai rappresentanti dei giornalisti è stato anche sottolineato il fenomeno delle cosiddette “querele temerarie”. Infine, sono state oggetto di confronto alcune fra le principali progettualità avviate nel 2022 dal “Centro di coordinamento”. Si tratta, in particolare, della sottoscrizione di un protocollo d’intesa tra il Consiglio Nazionale dell’Ordine dei Giornalisti, la Federazione Nazionale della Stampa Italiana e la Direzione Centrale della Polizia Criminale per attività di formazione reciproca. A questa iniziativa si aggiunge poi la partecipazione al progetto Osce “Safe of journalists” che si pone l’obiettivo di mettere a sistema le politiche e le misure esistenti tra i diversi Stati per promuovere e garantire la sicurezza dei giornalisti.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x