Ultimo aggiornamento alle 21:07
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 4 minuti
Cambia colore:
 

il dibattito

Consorzi di bonifica, la “controriforma” del Pd: «No all’ente unico, sì alla condivisione»

Il gruppo regionale dem illustra la propria proposta di legge e si confronta con l’Anbi e le associazioni di categoria

Pubblicato il: 30/05/2023 – 16:47
Consorzi di bonifica, la “controriforma” del Pd: «No all’ente unico, sì alla condivisione»

LAMEZIA TERME Il gruppo del Pd nel Consiglio regionale ha presentato la propria proposta di legge di riforma dei Consorzi di bonifica nel corso di una conferenza stampa nella sede del partito a Lamezia Terme. Il testo, depositato nelle scorse settimane nella segreteria del Consiglio regionale, prevede la modifica della vigente normativa, risalente al 2003, la soppressione e la messa in liquidazione degli attuali undici Consorzi di bonifica passando ad un disegno di delimitazione di nuovi consorzi comprensoriali, partendo dai bacini idrografici e da un maggiore coinvolgimento delle organizzazioni sociali e datoriali maggiormente rappresentative del settore: la proposta di legge del Pd si differenzia da una proposta al vaglio della maggioranza regionale di centrodestra perché quest’ultima prevede la creazione di un unico Consorzio di bonifica a livello regionale con 11 distretti territoriali. Sul tema oggi il gruppo del Pd alla Regione si è anche confrontato con l’Anbi e con le organizzazioni professionali agricole, che hanno reso noto di essere a loro volta al lavoro per la predisposizione di una propria proposta di legge regionale.

La conferenza stampa

«Siamo determinati – ha esordito il capogruppo reigonale del Pd Bevacqua – nel sostenere una visione che porti a una modifica dell’attuale legge, che riduca i Consorzi di bonifica, che apra una riflessione vera con i territori e il mondo agricolo e creai una mobilitazione tale da poter arrivare a una sintesi la più unitaria possibile. Per questo la nostra proposta, finora ignorata dal governo regionale, non è da “prendere o lasciare” ma è una proposta aperta, che dia inizio a un dibattito serio e costruttivo finalizzato a una sintesi davvero condivisa da tutti i soggetti interessati, a partire dal governo regionale, con il quale siamo pronti al dialogo e al confronto, considerando l’importanza e il traino che assicurano il mondo agricolo sotto tutti i punti di visita, quello economico e anche quello della lotta al dissesto idrogeologico. L’auspicio – ha rimarcato il capogruppo regionale del Pd – è che questa proposta aiuti a trovare una soluzione all’attuale crisi strutturale dei Consorzi di bonifica, una soluzione che non si può più rinviare per evitare l’ingovernabilità sui territori, scongiurando anche negative ricadute occupazionali». Per i democrat «la realizzazione di un Consorzio unico non convince i rappresentanti del settore, perché va a mettere in atto un processo di centralizzazione che non ha motivo di esistere anche in considerazione dell’estensione del territorio in gestione ai Consorzi e alle diversità dei comprensori da gestire. Siamo convinti che la concertazione e la condivisione – hanno poi spiegato i consiglieri regionali del Pd – debbano essere al centro di riforme che non possono avere colore politico in quanto fondamentali per lo sviluppo della Calabria e per la stessa vita dei cittadini che rappresentiamo. Per questo continueremo ad opporci al metodo fin qui utilizzato dal governo Occhiuto che procede a colpi di maggioranza e senza nessuna interlocuzione con i rappresentanti interessati dalle leggi cui si mette mano». A sua volta Iacucci ha spiegato: «Abbiamo iniziato una serie di interlocuzioni con il mondo agricolo, oggi c’è stato un confronto positivo e abbiamo riscontrato una convergenza sul metodo che abbiamo utilizzato perché noi siamo convinti che è necessario riformare la legge regionale avendo sempre presenti i vincoli dettati dalle normative nazionali. Siamo contrari al tentativo di riforma che vuole fare la maggioranza di centrodestra, quello di fare un unico Consorzio per tutta la regione, perché secondo noi bisogna guardate con attenzione ai territori e alle loro specificità. Oggi – ha rilevato il consigliere regionale del Pd – è un primo passo, siamo soddisfatti dei confronti avuti e proseguiremo e talloneremo la maggioranza per fare una riforma che sia in linea con gli interessi del mondo agricolo calabrese». (redazione@corrierecal.it)

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x