Ultimo aggiornamento alle 22:06
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 5 minuti
Cambia colore:
 

la “reunion”

Catanzaro, Mancuso: «Dove sarebbe oggi Fiorita senza i soldi della Regione per lo stadio?»

Il presidente del Consiglio regionale con il gruppo Lega fa il “tagliando” alla Giunta. «No alle dimissioni del sindaco, ma non ceda ai ricatti»

Pubblicato il: 31/05/2023 – 18:04
Catanzaro, Mancuso: «Dove sarebbe oggi Fiorita senza i soldi della Regione per lo stadio?»

CATANZARO «Noi non vogliamo le dimissioni di Fiorita, vogliamo che il sindaco Fiorita amministri bene, che non sia tirato dalla giacchetta, che non sia ricattato e possa dare il meglio di sé, cosa che non sta facendo. Così il presidente del Consiglio regionale Filippo Mancuso, della Lega, nel corso di una riunione convocata con il gruppo del Carroccio al Comune per tracciare un bilancio di un anno di amministrazione Fiorita nel capoluogo. «Penso – aggiunge Mancuso – che abbiamo dimostrato grande maturità come Consiglio regionale e anche come Giunta regionale, che è stata molto collaborativa e ha portato al territorio di Catanzaro enormi benefici Diciamo la verità: dove sarebbe oggi Fiorita se non avesse avuto i soldi per lo stadio?».

«Giudizio non positivo su Fiorita, anche se ci sono attenuanti»

«Almeno due volte all’anno riunisco il mio gruppo e questa è l’occasione per analizzare il primo anno di amministrazione comunale a guida Nicola Fiorita a Catanzaro», spiega in premessa  Mancuso, affiancato dai consiglieri comunali del gruppo della Lega Lea Concolino, Eugenio Riccio, Manuel Laudadio e Gianni Costa e da Franco Longo, promotore di Alleanza per Catanzaro” e da sempre stretto collaboratore di Mancuso. Il giudizio ceni confronti dell’amministrazione Fiorita – prosegue Mancuso – «certamente non è positivo, però ci sono attenuanti, dovute al noviziato, a una maggioranza che non c’è, a chi pensava che sarebbe stato facile governare ma così non è. Noi stiamo cercando di dare anche una mano perché infierire su un’amministrazione che ha già i suoi problemi non fa bene a nessuno, la città è di tutti. Penso che la Regione abbia dimostrato un grande supporto a Catanzaro, e questo perché amiamo la nostra città. Il sindaco Fiorita – rileva il presidente del Consiglio regionale – dovrebbe cercare di ascoltare anche i nostri consigli: noi non vogliamo nulla in cambio, l’abbiamo dimostrato, però vogliamo rispetto e vogliamo che le nostre critiche, che non sono mai strumentali e non sono mai ricattatorie come ce ne sono tante, venissero interpretate nel senso giusto perché vanno nella direzione del bene della città».

«Fiorita non ceda più ai ricatti»

Alla fine di uno degli ultimi Consigli comunali la Lega ha chiesto le dimissioni di Fiorita, ma sul punto Mancuso precisa i termini della questione: «Diciamo la verità, le abbiamo chieste ma non le vogliamo, non vogliamo le dimissioni di Fiorita. Non è tempo di dimissioni e non sarebbe neanche giusto nei confronti di un uomo onesto ma che probabilmente non ha ancora preso le giuste misure né alla città né a chi lo circonda. Le dimissioni sono state chieste perché se non hai la maggioranza per governare devi andare a casa, pensiamo se quell’evento fosse stato in occasione del bilancio. Noi non vogliamo questo, vogliamo – osserva il presidente del Consiglio regionale – che il sindaco Fiorita amministri bene, che non sia tirato dalla giacchetta, che non sia ricattato e possa dare il meglio di sé, cosa che non sta facendo fino adesso perché il meglio di sé lui non è stato in grado di darlo perché è sempre condizionato dagli uomini della sua stessa maggioranza. Noi in modo lodevole abbiamo tenuto la maggioranza in Consiglio perché i consiglieri sono pagati per andare in Consiglio, poi siamo stati anche criticati per questo dicendo che siamo rimasti soli, ma la nota l’hanno firmata 14 persone che non sono certo la maggioranza, la maggioranza è di 17. Questo fa parte del gioco delle parti. In queste considerazioni ho già fatto una proposta: Fiorita – sottolinea Mancuso – deve amministrare in modo tranquillo, deve dare il meglio di sé stesso, se continua a cedere a ricatti e cedere a proponimenti che vanno contro la città non va bene. Noi sulle cose importanti che riguardano la città ci saremo sempre».

«Dov’era oggi il sindaco senza i soldi della Regione per lo stadio?»

Mancuso poi ricorda: «Ci stiamo battendo per la sanità, solo noi abbiamo preso l’iniziativa di creare un’azienda sanitaria – la Dulbecco – che sarà il meglio che potrà esserci in Calabria se le cose saranno fatte nel giusto modo. Penso che abbiamo dimostrato grande maturità come Consiglio regionale e anche come Giunta regionale, che è stata molto collaborativa e ha portato al territorio di Catanzaro enormi benefici Diciamo la verità: dove sarebbe oggi Fiorita se non avesse avuto  i soldi per lo stadio? Fatevi questa domanda e datevi questa risposta», dice il presidente del Consiglio regionale conversando con i giornalisti.

«Iniziato anche il tesseramento per la Lega»

Ma la “reunion” è anche l’occasione per Mancuso di “imbullonare” il rinnovato rapporto con la Lega territoriale, ora rilanciato dopo mesi delle incomprensioni. «Forse dall’Emilia Romagna in giù – conclude Mancuso – il nostro al Comune di Catanzaro è il gruppo consiliare più numeroso. Non solo abbiamo costituito il gruppo, abbiamo iniziato anche il tesseramento, perché abbiamo la consapevolezza che l’appartenenza a un partito sia necessaria per fare politica, e con il tesseramento pensiamo di avere altre adesioni per poter essere rappresentati con più forza nel partito. È qui presente anche il segretario provinciale della Lega Folino che saluto e che chiamerò a intervenire. Stiamo quindi lavorando in sinergia per fare il bene di questo territorio». (c. a.)

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x