Ultimo aggiornamento alle 23:17
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

sanità

L’Asp di Reggio Calabria non è più “canaglia”. «La normalizzazione è possibile»

Il bilancio 2022 chiuso con un utile di 1,4 milioni. La dg Di Furia si riserva di ricostruire anche i documenti “fantasma” dal 2013 al 2021

Pubblicato il: 01/07/2023 – 10:27
L’Asp di Reggio Calabria non è più “canaglia”. «La normalizzazione è possibile»

REGGIO CALABRIA Un utile di esercizio di quasi 1,5 milioni (per la precisione, 1,402 milioni), passi avanti nell’eliminazione del caos organizzativo, gestionale e contabile e soprattutto – finalmente – un atto nero su bianca, la classica “carta che canta”. In zona Cesarini ma in tempo assolutamente utile rispetto alla scadenza fissata dalla legge – e a quella “politica” stabilita dal governatore e commissario della sanità calabrese Roberto Occhiuto – l’Asp di Reggio Calabria ha approvato il bilancio d’esercizio 2022. Un documento per certi versi storico, che chiude una lunga parentesi di bilanci “fantasma” e che denotano un’Asp oggi non più “canaglia” con la guida della neo dg Lucia Di Furia, fortemente voluta dallo stesso Occhiuto. Restano ancora i “vulnus” del passato, ma la dg Di Furia nella relazione di gestione si è riservata di ricostruire e deliberare, per come previsto dalla norma, i bilanci aziendali degli anni pregressi anni dal 2013 al 2021 e non ancora adottati, entro il 31 dicembre 2024.

La relazione della Di Furia

Ovviamente non è affatto tutta rose e fiori, e del resto la situazione trovata dalla Di Furia era particolarmente negativa, all’Asp di Reggio Calabria, che agli occhi dell’allora commissario versava – si legge sempre nella relazione di gestione al bilancio 2022 – in «un degrado complessivo molto marcato su numerosi aspetti organizzativi, procedurali e tecnologici», a partire dal fatto che non c’era stata «nessuna azione finalizzata a ristabilire un clima di legittimità e trasparenza». Sempre nella relazione di gestione la Di Furia elenca quindi le «prime azioni di risanamento avviate», come la «diffida rivolta alla Gestione Risorse Umane per la conclusione entro il 15 settembre 2022 dei concorsi» banditi nel 2020, la «revoca di atti aventi profili di illegittimità», le «prime azioni finalizzate al risanamento del debito (anche per dar corso alle prescrizioni imposte dalla Corte dei Conti con delibera 110 del 2021), successivamente rafforzate con l’avvio della circolarizzazione obbligatoria sul fronte del contenimento della situazione debitoria». Si evidenzia poi che «la direzione aziendale si è concentrata sull’obiettivo di una riduzione dei tempi di pagamento per le competenze maturate nell’esercizio 2022, e parte del 2021, avviando le attività necessarie al recupero dei mancati pagamenti relativi al 2021 e al primo semestre 2022. Il risultato è attestato da un notevole miglioramento dell’indice di tempestività dei pagamenti rilevabile al 31 dicembre 2022» e che «la massiva attività di circolarizzazione del debito verso i fornitori ex articolo 16 septies del dl 146 del 21 ottobre 2021, convertito con legge 215 del 17 dicembre 2021, avviata dalla Regione Calabria cui questa azienda ha aderito stante l’impossibilità cronica di contare su un bilancio aziendale e che ha ricognito un debito “circolarizzato” di circa 250 milioni di euro».

L’impegno per i bilanci pregressi

Nella relazione quindi la Di Furia conclude: «Pertanto il bilancio d’esercizio 2022 viene adottato come rilevazione della situazione specificamente definita nel corso dell’anno 2022 con riserva di ricostruire e deliberare, per come previsto dalla norma, i bilanci aziendali degli anni pregressi anni dal 2013 al 2021 e non ancora adottati, entro il 31 dicembre 2024. Si sottolinea come tale opportunità, seppur gravata dalla enorme massa di credito circolarizzato con la ricostruzione degli anni pregressi, costituisce un impegno molto gravoso; tuttavia… si ritiene possibile per l’Asp di Reggio Calabria giungere alla “normalizzazione” della gestione economica, finanziaria e patrimoniale nel rispetto dei principi contabili previsti nel dlgs 118/2011». Segue quindi l’ok al bilancio ‘esercizio dell’Asp di Reggio Calabria, con tutti i documenti del caso allegati: ed è questa davvero una novità… (c. a.)

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x