Ultimo aggiornamento alle 18:42
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

università della calabria

Bernini all’Unical: «Qui c’è la capacità di innovare da radici profonde e fare futuro»

Il ministro dell’Istruzione inaugura l’anno accademico. «Il Rettore Leone sa che c’è il nostro sostegno, lui e Gottlob nuovi argonauti del sapere»

Pubblicato il: 15/09/2023 – 19:47
Bernini all’Unical: «Qui c’è la capacità di innovare da radici profonde e fare futuro»

RENDE «L’obiettivo è internazionalizzare le università italiane, internazionalizzare le università del Sud. Questa università ha una sua tradizione straordinaria di internazionalizzazione, nasce come campus già di per sé vocato all’internazionalizzazione e la presenza del professor Gottlob, che ho appena conosciuto, è la naturale prosecuzione di questa vocazione». Lo ha detto il ministro dell’Università e della Ricerca Anna Maria Bernini a margine dell’inaugurazione a Rende del nuovo anno accademico dell’ateneo calabrese. A tenere la Lectio magistralis su Intelligenza e ignoranza artificiale sarà Georg Gottlob, futuro docente dell’ateneo che ha da poco lasciato l’Università di Oxford per insegnare in Calabria. «Credo – ha proseguito Bernini – che, insieme al rettore, immagino si siano conosciuti durante la loro esperienza di formazione all’estero, siano i nuovi argonauti dei saperi nel mondo che diventano grandi nel momento in cui si mescolano e si arricchiscono mutuamente. Quindi viva gli argonauti, viva le università del Sud che sono capaci, da radici profonde, di innovare e fare futuro».

«Grande sostegno e impegno da parte del Governo»

Rispondendo alle domande dei giornalisti il ministro dell’Università ha spiegato: «Il rettore Leone sa che l’impegno concreto (del Governo ndr) c’è stato, c’è e ci sarà e di solito quando si parla di impegni concreti, visto che qui ovviamente si parla di formazione, di ricerca, di alta formazione che deve essere finanziata, alla fine si ritorna sempre all’importanza di avere i fondi sufficienti per fare le cose giuste. Il rettore Leone sa che sia da un punto di vista infrastrutturale, sia per potenziare la grande forza già esistente della loro offerta formativa, il ministero dell’Università e della Ricerca è a disposizione».

L’Erasmus italiano. «Opportunità per rendere i saperi più grandi»

«C’è una migrazione delle studentesse e degli studenti dal sud verso il nord, non perché la qualità dell’offerta formativa degli atenei del sud non sia eccellente, lo è. La presenza e il grande segnale del professor Gottlob ce lo dimostrano, il professor Gottlob ha detto: “Io penso che questo sia il luogo dove io posso fare ricerca al meglio sull’intelligenza artificiale e sulla teoria dei database”. Però – ha detto ancora Bernini – il lavoro spesso è a nord, quindi visto che non possiamo pensare di trasferire capitale umano da una parte all’altra d’Italia, noi possiamo consentire loro di lavorare in maniera più autonoma sulla loro stessa offerta formativa, dal che l’Erasmus italiano su cui devo dire che la conferenza dei rettori dell’Università italiana ci sta aiutando moltissimo». «Erasmus Italiano – ha spiegato il ministro dell’Università – significa consentire agli studenti di costruire i loro piani di studio e quindi la loro formazione sulla base dei loro talenti, della loro vocazione, cambiando anche area geografica di formazione, passando magari da Torino a Rende, da Milano a Palermo, da biologia fatta al nord a biologia marina fatta al sud, da medicina cominciata al sud a ingegneria, medicina e ingegneria continuata al nord, anche se qui abbiamo un nuovo corso di laurea in medicina e chirurgia che è proprio tecnologico, ad innovazione tecnologica altissima, quindi si potrebbe fare tutto ad Arcavacata di Rende, però avete capito lo spirito. Bisogna indurre il capitale umano, i nostri studenti e le nostre studentesse, a spostarsi sulla base di una loro scelta di accordi tra le università che uniscono le loro offerte formative e creano la possibilità di mescolare, ancora una volta i saperi per renderli sempre più grandi». (redazione@corrierecal.it)

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x