Ultimo aggiornamento alle 23:15
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 1 minuto
Cambia colore:
 

la sentenza

Processo al clan Iozzo-Chiefari, quattro condanne e due assoluzioni

La pena più pesante è stata inflitta a Giuseppe Gregorio Iozzo: 30 anni. La cosca è attiva tra Torre di Ruggiero e Chiaravalle Centrale

Pubblicato il: 31/10/2023 – 17:19
Processo al clan Iozzo-Chiefari, quattro condanne e due assoluzioni

CATANZARO Quattro condanne e due assoluzioni. Questo quanto stabilito dal Tribunale collegiale di Catanzaro al termine del processo nato dall’inchiesta “Orthrus” portata a termine nel 2019 dalla Distrettuale di Catanzaro contro la cosca Iozzo-Chiefari attiva nei territori di Torre di Ruggiero, Chiaravalle Centrale e territori limitrofi.
La pena più pesante è stata inflitta a Giuseppe Gregorio Iozzo condannato, come da richiesta della Procura distrettuale, a trent’anni di reclusione. Diciannove anni per Mario Iozzo (l’accusa ne aveva chiesto 26) e 17 a Luciano Iozzo (24 anni la richiesta).
Marco Sasso è stato, invece, condannato a a 16 anni e dieci mesi. Per lui la Procura aveva chiesto una condanna la richiesta di 16 anni.
Assolti Antonio Chiefari ed Antonio Gullà. Per il primo la pubblica accusa aveva chiesto una condanna a 20 anni, mentre per il secondo la pena sollecitata dalla Procura distrettuale era di 2 anni di reclusione.
Inoltre a Chiefari i giudici hanno restituiti i beni sequestrati nel corso dell’inchiesta ed hanno ritenuto inefficace la misura cautelare nei suoi confronti.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x