Ultimo aggiornamento alle 22:19
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 4 minuti
Cambia colore:
 

la candidatura

Expo 2030: Roma fuori con appena 17 voti, trionfa Riad

Una débacle totale e inattesa nelle proporzioni. Riad vince con 119 voti. Busan ha ottenuto 29 voti

Pubblicato il: 29/11/2023 – 9:11
Expo 2030: Roma fuori con appena 17 voti, trionfa Riad

Roma è fuori da Expo con appena 17 voti. Riad è la candidata che ha vinto con 119 voti. Busan ha ottenuto 29 voti. Festa saudita a Issy-les-Moulineaux, dove la vittoria di Riad nella gara per aggiudicarsi l’Expo 2030 è andata molto oltre le previsioni. Fra gli arabi è festa grande, tra canti tradizionali, baci e abbracci nel Palais des Congrès dopo la decisione dei delegati del Bie, che hanno votato in 165 su 182.
Alla fine trionfa Riad, come previsto, ma la partita non è mai neppure cominciata: 119 voti ai sauditi su 165 delegati votanti, 29 all’agguerrita Busan e soltanto 17 a Roma. Che ancora ieri lasciava trapelare la speranza di prenderne fino a 50 per arrivare al ballottaggio.
Una débacle totale e inattesa nelle proporzioni: “fino all’ultimo, né a noi né ai coreani risultavano numeri di questa portata, quindi anche sull’ultimo miglio qualcosa deve essere successo” dice amareggiato l’ambasciatore Giampiero Massolo dopo il voto. E’ lui, presidente del comitato promotore che ha lavorato due anni per la candidatura di Roma per Expo 2030, l’unico ad alzare i toni nel dopo-votazione: “non critico, non accuso, non ho prove, ma la deriva mercantile riguarda i governi e talvolta riguarda anche gli individui”.
Parole di fuoco quelle di Massolo, che provano a spiegare una sconfitta a 360 gradi della capitale e di un progetto di riqualificazione di un quadrante della città che era di alto profilo. Un tracollo che va oltre le cifre ufficiali di 190 milioni di euro spesi da Riad per la campagna di promozione, 160 da Busan e appena 30 da Roma.
Una sconfitta di cui si avvertiva il sapore già attorno al Palais des Congrès di Issy-les-Moulineaux, nella banlieue di Parigi, dove si è riunito il BIE per la votazione decisiva. C’erano coreani in festa, vestiti con abiti bianchi tradizionali, che cantavano applaudendo i delegati nelle auto nere che li conducevano al voto. E che rendevano omaggio a Parigi intonando una stralunata “Oh Champs-Elysées” in coreano. Ma soprattutto c’erano tanti sauditi, nelle Mercedes con i finestrini aperti e gli impianti stereo che sparavano musica araba, che si abbracciavano e festeggiavano già prima dell’arrivo dei delegati. E che quando gli aventi diritto al voto sono scesi dalle auto, li hanno accolti scortandoli fino alla sala della votazione, applaudendo, gridando il nome di Riad al di fuori di ogni regola. E scambiando con loro sorrisi e pacche sulle spalle. In sala stampa, mentre scorreva il rito della presentazione delle città candidate, i tanti sauditi presenti erano già in fase di celebrazione, si abbracciavano e si davano appuntamento per stasera, a place Vendome, per una festa che si annuncia memorabile. Di italiano c’era invece molto poco a Issy-les-Moulineaux, a parte la delegazione ufficiale guidata dal sindaco di Roma Roberto Gualtieri, dal ministro dello Sport Andrea Abodi e da Massolo. Con loro, le tre donne che Roma aveva scelto come simbolo per questa finale, Trudie Styler, Bebe Vio e Sabrina Impacciatore. Nonostante i loro sforzi, era probabilmente tutto già scritto, come ha denunciato Massolo: “Noi abbiamo giocato una partita secondo le regole della comunità internazionale, le competizioni si vincono sui progetti, sulla qualità, sulle idee. A noi, alcuni delegati hanno detto di essersi promessi ad un concorrente ben prima che esistessero i progetti e ben prima delle candidature”. Per il presidente del comitato promotore, poi, “anche sull’ultimo miglio deve essere successo qualcosa, non risultava a nessuno una sconfitta in queste proporzioni”. Quello di Roma “era un bellissimo progetto”, ma la vittoria di Riad è stata “schiacciante”, ha ammesso il sindaco Gualtieri. “Purtroppo – si è rammaricato – non si vince con il premio della critica, del pubblico, ma con il voto degli ambasciatori”. Il ministro Abodi guarda avanti: “non penso che l’universalità di Roma passi necessariamente per l’esposizione universale”. Per lui, “c’era un dossier qualitativo al quale il governo ha dato tutto il suo supporto dal primo giorno. Questo il senso della squadra nazionale”. Per la vicepresidente della Regione Lazio, Roberta Angelilli, “Roma deve crescere, deve misurarsi di più sul futuro, l’innovazione, le nuove tecnologie, la ricerca. Dobbiamo recuperare una immagine vincente”.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x