Ultimo aggiornamento alle 11:19
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

il caso

Rai, il «militante» Corsini attacca Schlein. Poi si scusa

Polemiche per le parole del giornalista della tv di Stato ad Atreju

Pubblicato il: 15/12/2023 – 21:36
Rai, il «militante» Corsini attacca Schlein. Poi si scusa

ROMA «Come sta il nostro partito?». «Anche io sono stato un militante»: queste due frasi di Paolo Corsini pronunciate durante un panel ad Atreju – mentre moderava l’incontro che ha aperto la festa di FdI a Roma – hanno scatenato le polemiche sul direttore degli approfondimenti Rai. Le frasi della discordia sono state pronunciate davanti a 240 ragazzi. Il giornalista Rai ha usato più volte il termine “noi” riferendosi al partito della premier Meloni. Poi c’è stato un passaggio dedicato al forfait della Schlein che ha scatenato la reazione del Pd e dei suoi politici di appartenenza. Corsini ha ricordato come negli anni ad Atreju siano intervenuti Bertinotti, Veltroni, D’Alema, Conte mentre quest’anno qualcuno non c’è (ogni riferimento alla Schlein non è stato casuale), forse perché «nell’era dei social è più facile prendere like o perché hanno preferito occuparsi di come vestirsi e di che colori utilizzare piuttosto che confrontarsi». La diretta interessata ha replicato così: «Io segno la differenza di approccio: siamo qui con 800 persone che si sono iscritte a sei tavoli per portare contributi e idee e ci stiamo confrontando. Su altri palchi mi sembra che si susseguono figure che sono lì per accreditarsi con chi comanda e per mostrarsi sempre ubbidienti alle linee di chi comanda». Lui, invece, il diretto interessato ha così spiegato in una nota il suo comportamento e si è scusato: «Quando si estrapolano parole dal contesto in cui sono state espresse, si corre sempre il rischio di prestarsi a facili critiche e strumentalizzazioni. Ieri sono stato invitato a moderare il dibattito introduttivo di una manifestazione che, in questi giorni, presenta al pubblico un parterre di ospiti e personalità di altissimo livello. In questo quadro, mi dispiace davvero che alcune mie frasi abbiano generato fraintendimenti. Nei miei brevi interventi introduttivi, finalizzati esclusivamente ad animare il dibattito e coinvolgere e presentare i relatori, non c’era ovviamente alcun intento politico o polemico e di questo mi scuso. Sono un giornalista del Servizio Pubblico e il mio impegno quotidiano, come quello di tutti i miei colleghi, è garantire in ogni situazione autonomia, pluralismo e completezza nell’informazione».

Le reazioni alle parole di Corsini

Essendo Corsini un giornalista e direttore Rai non potevano mancare le reazioni anche all’interno dei vertici dell’azienda e dei sindacati. Quest’ultimi vedono l’Usigrai chiedere un intervento dell’azienda mentre Pluralismo e Libertà accusa l’Usigrai di fare sponda alla sinistra. La presidente Rai, Marinella Soldi, si è espressa così: «Credo che un giornalista del servizio pubblico debba garantire un atteggiamento sempre equidistante, a prescindere dal contesto in cui opera. Gli operatori dell’informazione Rai sono richiesti di esercitare la propria professione nel segno del pluralismo e dell’imparzialità, essenziali per aiutare il cittadini a formarsi un’opinione libera da pregiudizi, a massimo vantaggio della democrazia e del Paese». Mentre l’ad Roberto Sergio – come apprende LaPresse – ha chiesto una relazione alla Direzione del Personale e di visionare il video, solo poi valuterà quali decisioni prendere. A difesa di Corsini è sceso in campo il vicepresidente della commissione di Vigilanza, Augusta Montaruli, che ritiene inaccettabile che la sinistra si permetta di dire quando e come un giornalista può parlare. Tuttavia va anche ricordato che tra i programmi che sono sotto la direzione di Corsini ci sono “Il cavallo e la torre”, “Presa diretta”, “Che sarà” e “Report” (quest’ultimo difeso a spada tratta proprio da Corsini anche in Vigilanza), tutti programmi che non sono certo da considerare vicini a Fratelli d’Italia, semmai il contrario. 

Il Corriere della Calabria è anche su Whatsapp. Basta cliccare qui per iscriverti al canale ed essere sempre aggiornato

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x