Ultimo aggiornamento alle 20:32
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

il caso

Era originaria di Gioia Tauro l’88enne morta dopo un malore causato da una bolletta da capogiro

Caterina Giovinazzo era finita in ospedale dopo aver ricevuto il preavviso, non dovuto. Scattano le interrogazioni parlamentari

Pubblicato il: 28/12/2023 – 8:06
Era originaria di Gioia Tauro l’88enne morta dopo un malore causato da una bolletta da capogiro

GENOVA Sarà difficile capire se nonna Caterina Giovinazzo, 88 anni, invalida, sia davvero morta per l’angoscia di dover pagare una bolletta stratosferica. Ma che sia finita in ospedale dopo aver appreso che avrebbe dovuto pagare oltre 15 mila euro a Iren per una bolletta dell’acqua è un dato di fatto. Nonna Caterina, originaria di Gioia Tauro, non ce l’ha fatta a superare la paura e l’angoscia. E se n’è andata, la notte di Natale, dopo 15 giorni di ospedale. Tutto comincia tre settimane fa quando la nuora le legge l’importo, pagato per metà in automatico dalla banca dove l’anziana aveva domiciliato le bollette, dell’ultima bolletta dell’acqua. Avrebbe dovuto pagare a Iren, il suo fornitore per la rete idrica 15.339 euro. Un errore, evidentemente, tanto che l’azienda era corsa ai ripari sostenendo che quanto richiesto all’anziana invalida non era dovuto per un mero errore. Ma il fatto che anche la banca dell’anziana avesse versato una prima quota pari a circa la metà (operazione poi annullata) è stato davvero un colpo al cuore. Inutile dire che i tre figli dell’anziana donna, le nuore, i nipoti, i fratelli e le sorelle chiedono chiarezza. E raccontano come Caterina si sia sentita male subito dopo che la nuora le ha letto i dati della bolletta, arrivata in banca il 14 novembre, e pagata pochi giorni dopo. Stava cosi male che è stata fatta arrivare di corsa l’ambulanza che l’ha trasferita in codice rosso all’ospedale di Sanremo. I medici l’hanno detto subito: Caterina era in condizioni critiche. Due dei figli di nonna Caterina, Luigi e Gianni Trapani, e il fratello, Rocco Giovinazzo hanno voluto andare fino in fondo. E mentre Caterina era in ospedale hanno guardato le vecchie bollette trovando la conferma che il consumo massimo dell’acqua nella casa dell’anziana era di pochi metri cubi per i quali erano stati pagati al massimo 65 euro. La bolletta contestata invece indicava che l’anziana dal 21 febbraio scorso al 31 ottobre aveva consumato oltre 4.182 metri cubi d’acqua. «Un’errata lettura del contatore», secondo il fornitore, calcolata sulla base di una foto-lettura non corretta. E chissà se Caterina ha fatto in tempo a saperlo. Quanto successo, scrive Assoutenti «è un monito pesantissimo nei confronti di tutte le società che gestiscono i servizi idrici spesso inadempienti nelle verifiche di lettura del contatore. Siamo contrari alla tesi dell’algoritmo assassino e crediamo sia giusto sottrarre all’intelligenza artificiale le anomalie delle bollette». «Per tutti – scrive la senatrice e coordinatrice nazionale di Italia Viva Raffaella Paita – dovrebbe essere monito rispetto a quanto un mondo fatto di call center e di rapporti impersonali possa essere inospitale e ostile per gli anziani più deboli – ha concluso -. Presenteremo in Senato una interrogazione per chiarire la vicenda». 
Ed anche il vicecapogruppo di Fratelli d’Italia alla Camera, Alfredo Antoniozzi annuncia la medesima iniziativa parlamentare. «Bisognerà accertare il rapporto di nesso – afferma in particolare in una nota – che pare evidente , in una signora gia’ fragile, e non bastano certo le scuse della società. È impensabile che gli anziani debbano essere spesso vittime di errori del genere e sulla mia corregionale chiederò la verità».

Il Corriere della Calabria è anche su Whatsapp. Basta cliccare qui per iscriverti al canale ed essere sempre aggiornato

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x