Ultimo aggiornamento alle 19:49
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

l’intervista

Erosione costiera e disagi sulla SS18, il sindaco di Amantea: «I piccoli interventi non bastano più»

Vincenzo Pellegrino al Corriere della Calabria: «Chiediamo interventi strutturali e ad ampio raggio, da Tortora allo Stretto di Messina»

Pubblicato il: 11/01/2024 – 11:24
Erosione costiera e disagi sulla SS18, il sindaco di Amantea: «I piccoli interventi non bastano più»

AMANTEA Un incontro produttivo che ha registrato la convergenza di tutti i sindaci su un tema di fondo, legato al problema contingente dei danni subiti dalla SS18 dopo le ultime giornate di intenso maltempo, ma che più in generale riguarda la difesa della costa tirrenica. Ne è convinto il sindaco di Amantea, Vincenzo Pellegrino, che al Corriere della Calabria ha fatto il punto su quanto discusso ieri sera insieme agli sindaci dei comuni del Tirreno cosentino e dell’alto catanzarese.

«Basta alle soluzioni tampone»

«Noi che cosa chiediamo? Oggi ci sarà il documento congiunto che stiamo elaborando e in questo documento congiunto noi chiediamo alla Regione e agli organi sovraordinati che si possa attivare un tavolo di concentrazione nel quale si possa proporre una soluzione che sia definitiva e non tampone». Quello sulla Ss18 «è un problema contingente, ed è giusto che ci sia l’attenzione a risolverlo, ma nulla vieta di pensare che prossime manifestazioni climatiche particolari possano creare ulteriori problemi, per cui noi pensiamo a una soluzione definitiva e non una soluzione momentanea». «L’intervento di Anas – ha detto ancora Pellegrino – sicuramente è stato tempestivo, avrà risolto momentaneamente il problema però resta sempre una toppa, una soluzione momentanea che non risolve alla radice il problema. Ovviamente non sta a me indicare quale soluzione possa essere, non sono un tecnico, ma la nostra intensione è proprio quella di portare i tecnici a un tavolo di cui noi ci facciamo promotori, di conseguenza chiediamo che il problema venga affrontato, sviscerato e proposta una soluzione».

presidente succurro e sindaco amantea Pellegrino

Convocare i tecnici

Secondo il primo cittadino di Amantea «è probabile che la soluzione già esista, perché a me risulta che anche l’Università della Calabria ha affrontato questa problematica in maniera consistente probabilmente nelle biblioteche o negli studi dell’Università della Calabria è possibile che già c’ha già qualche soluzione razionale, ma questo io non lo posso sapere, allora dico tutti quelli che hanno qualcosa da aggiungere a questo discorso volto alla soluzione del problema che sono benvenuti e partecipiamo a una conferenza programmatica che è il nostro intento promuovere». Per il sindaco, in questo momento, la priorità è rendere percorribile la Ss18, poi bisognerà convocare questo tavolo e cercare di avviare le procedure che portino a una soluzione definitiva, «interventi strutturali e ad ampio raggio. Spesso ci si interroga anche su quelle che sono le responsabilità dei Comuni, su quella che è l’urbanizzazione e su quelle che sono poi le costruzioni a ridosso dei litorali ma non possiamo andare avanti con la testa all’indietro, è chiaro, ci sono stati errori del passato, c’è stata una mancata programmazione, probabilmente il fenomeno turismo è esploso in mano agli amministratori del passato che o non avevano la contezza della dimensione del problema o non avevano visione per il futuro, ma non è ragionando su quello che è stato che noi risolveremo i problemi del domani».

«Serve un movimento su larga scala»

«Noi – ha detto infine Pellegrino – dobbiamo guardare avanti e cercare soluzioni per il domani che passano anche attraverso l’eliminazione di qualche problema che esiste e che proviene dal passato». «Su questa idea converge anche la Presidente della Provincia di Cosenza, Rosaria Succurro, con la quale c’è piena sintonia, quindi sarà un qualche cosa che noi dovremmo organizzare di concerto, ma senza escludere le altre Province come Vibo e Reggio Calabria, deve essere quindi un movimento su larga scala che difenda la costa calabrese da Tortora allo stretto di Messina».

Il Corriere della Calabria è anche su WhatsApp. Basta cliccare qui per iscriverti al canale ed essere sempre aggiornato

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x