Ultimo aggiornamento alle 7:22
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

l’inchiesta

Truffe on line, indagine della Guardia di Finanza: tre obblighi di dimora a Locri

I destinatari delle misure cautelari, insieme a vari complici, avrebbero pubblicato falsi annunci di vendita di mezzi agricoli su siti di e-commerce

Pubblicato il: 14/02/2024 – 18:30
Truffe on line, indagine della Guardia di Finanza: tre obblighi di dimora a Locri

LOCRI Associazione per delinquere finalizzata alla truffa, ricettazione e riciclaggio. Sono i reati contestati a tre persone sottoposte all’obbligo di dimora e di presentazione alla polizia giudiziaria. Lo ha deciso il Gip di Locri accogliendo la richiesta della Procura della Repubblica. Il provvedimento è stato adottato a conclusione di un’indagine condotta dalla Sezione di polizia giudiziaria della Guardia di finanza della Procura e che ha consentito di sgominare un’organizzazione criminale specializzata nelle truffe online. Le tre persone destinatarie delle misure cautelari, insieme ad alcuni complici, avrebbero pubblicato falsi annunci di vendita di mezzi agricoli su siti di e-commerce. Le vittime della truffa, interessate ai prodotti, si sono accordate con gli indagati che utilizzavano numeri di telefono intestati a persone ignare o inesistenti, ma anche documenti d’identità falsi del venditore e fatture di acquisto create ad hoc. Dopo avere versato le somme concordate, gli acquirenti non hanno mai ricevuto i mezzi agricoli. Nel frattempo, il venditore spariva, interrompendo le comunicazioni che fino a poco prima erano avvenute principalmente tramite whatsapp. I proventi delle false vendite false sono stati incassati attraverso ricariche e bonifici eseguiti dalle vittime su carte prepagate o conti correnti forniti dai falsi venditori. Il denaro é stato poi trasferito su altre carte prepagate e altri conti correnti ed infine prelevato dagli indagati, che agivano in questo modo allo scopo di rendere più complicato l’accertamento della destinazione finale degli importi frutto delle truffe. Nel corso delle indagini la Guardia di finanza ha analizzato i tabulati telefonici delle numerose utenze utilizzate dagli indagati e ha ricostruito i contatti non solo tra le vittime e i componenti dell’organizzazione criminale ma anche con altre persone, che sono adesso indagate per riciclaggio. (ANSA)

Il Corriere della Calabria è anche su WhatsApp. Basta cliccare qui per iscriverti al canale ed essere sempre aggiornato

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x