Ultimo aggiornamento alle 10:22
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

il provvedimento

‘Ndrangheta, sequestrati beni per 2,5 milioni a due presunti appartenti alla cosca Chiefari-Iozzo – NOMI

I due soggetti erano coinvolti nell’inchiesta “Orthrus” della Dda di Catanzaro ma entrambi assolti

Pubblicato il: 22/02/2024 – 9:50
‘Ndrangheta, sequestrati beni per 2,5 milioni a due presunti appartenti alla cosca Chiefari-Iozzo – NOMI

CATANZARO Militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Catanzaro e personale del Centro Operativo delle Direzione investigativa antimafia del capoluogo, coordinati dalla locale Procura della Repubblica, hanno dato esecuzione a un provvedimento di sequestro in materia di misure di prevenzione di beni immobili e disponibilità finanziarie, per l’ipotizzata riconducibilità a due soggetti indiziati di appartenere a una associazione di stampo mafioso. I destinatari del sequestro sono stati coinvolti nel procedimento noto come “Orthrus”  contro la cosca Chiefari-Iozzo, attiva a Torre di Ruggiero e Chiaravalle Centrale, nell’ambito del quale sono stati sottoposti nel 2019 a misure cautelari personali e successivamente assolti nel merito con sentenze non ancora irrevocabili. Si tratta di Antonio Chiefari (cl. ’51), assolto lo scorso 31 ottobre 2023, e Vito Chiefari (cl. ’73).

Il sequestro

La misura cautelare di prevenzione adottata dal Tribunale di Catanzaro, su richiesta della Procura della Repubblica di Catanzaro e della Dia, ha riguardato terreni, immobili e società, per un valore complessivo di oltre 2,5 milioni di euro nonché disponibilità finanziarie superiori a 3.000 euro. Si tratta di un provvedimento di natura cautelare, adottato dal Tribunale di Catanzaro – Seconda Sezione Penale – Ufficio Misure di Prevenzione nell’ambito del procedimento di prevenzione,  sulla base delle articolate indagini patrimoniali svolte dal Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria Gruppo Investigazione Criminalità Organizzata della Guardia di Finanza e dal Centro Operativo Dia di Catanzaro, volte a verificare la effettiva disponibilità, la provenienza dei beni e la sproporzione del relativo valore  rispetto ai redditi dichiarati e alla attività lavorativa.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x