Ultimo aggiornamento alle 22:02
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

l’intervista

Occhiuto: «Dispiaciuto della decisione di Limardo». Autonomia? «Dare moneta, vedere cammello»

Il governatore partecipa alla prima Conferenza dei membri della Delegazione Calabria di Forza Italia. «Dovrò pensare di più al partito»

Pubblicato il: 04/03/2024 – 17:43
Occhiuto: «Dispiaciuto della decisione di Limardo». Autonomia? «Dare moneta, vedere cammello»

LAMEZIA TERME Lunedì pieno di appuntamenti per il governatore della Calabria, Roberto Occhiuto, prima ospite del dibattito organizzato dalla Cgil a Lamezia Terme alla presenza del segretario nazionale del sindacato Maurizio Landini (qui la notizia), poi alla Conferenza dei membri della Delegazione Calabria al Congresso nazionale di Forza Italia. Un unicum nel partito azzurro, come suggerisce il coordinatore regionale per la Calabria e vice capogruppo alla Camera dei Deputati, Francesco Cannizzaro. Alla riunione, partecipano i consiglieri e gli assessori regionali azzurri, i coordinatori provinciali, e il neo vice Segretario Nazionale di Forza Italia e Presidente della Regione. «La vicesegreteria nazionale è un risultato importante perché credo sia utile a conferire ulteriore autorevolezza al governo regionale e la Calabria ha bisogno di un governo regionale autorevole perché deve farsi sentire sempre di più dal governo nazionale», sottolinea il governatore ai nostri microfoni.

La conferenza dei delegati

Come dicevamo quella della conferenza dei delegati è una novità assoluta, «non prevista dallo statuto di Forza Italia», ma convocata per celebrare i successi degli azzurri calabresi. «Francesco Canizzaro è uno straordinario organizzatore e anche un ottimo motivatore per cui ho accettato il suo invito di partecipare a questo incontro perché abbiamo appuntamenti importanti come le Europee ed è giusto che i dirigenti locali del partito abbiano la possibilità di confrontarsi con il Presidente della Regione che è comunque un dirigente nazionale di Forza Italia», sostiene Occhiuto. «Io sono portato a occuparmi di più dei problemi amministrativi, ma significa che da qui in poi, come è giusto, dovrò occuparmi un po’ anche del partito».

Il «passo di lato» di Maria Limardo a Vibo

La sindaca uscente di Vibo Valentia, Maria Limardo, ha annunciato nei giorni scorsi la volontà di non ricandidarsi alla guida del comune. Occhiuto si dice dispiaciuto. «Maria Limardo rappresentava un’ottima figura perché ha dimostrato di avere capacità, è una persona per bene. Spero che i dirigenti locali del partito, a cominciare da Comito, sappiano individuare un candidato capace di continuare la storia amministrativa di Maria Limardo».

La corsa sulla Lega

Le recenti tensioni nel centrodestra hanno acceso il dibattito sull’impegno futuro della coalizione in vista dei tanti impegni elettorali. In tal senso, in Calabria, si è registrato lo scambio di battute tra Forza Italia e la Lega, per informazioni chiedere a Domenico Furgiuele, parlamentare del Carroccio, che aveva bollato come «sgradevole» l’affondo del governatore in occasione del congresso nazionale di Forza Italia (leggi qui). Occhiuto oggi stempera la tensione e rispetto alla “corsa” sulla Lega preferisce soffermarsi sul centrosinistra e su quegli elettori «che non si sentono rappresentati da una coalizione che non ha più elementi moderati al suo interno» e quindi «noi facciamo la corsa soprattutto su quegli elettori perché vogliamo essere il partito del centrodestra che per riformismo, per moderazione riesce a portare elettori e voti che altrimenti il centrodestra non avrebbe. Poi è chiaro, siamo una squadra».

Dare moneta, vedere cammello

La chiosa del governatore è sull’incontro di questa mattina a Lamezia Terme. Un ennesimo passaggio dedicato all’autonomia differenziata, che vede Occhiuto ancora più determinato nel richiedere la garanzia che vengano rispettati i Lep. Il presidente della Regione, utilizza un vecchio claim ripreso in passato anche da Claudio Lotito e manda l’ennesimo messaggio al ministro Calderoli. «L’ho sempre detto, se ci sono le risorse, bene, altrimenti no. L’ho detto personalmente e pubblicamente a Calderoli quando ho usato quella frase, ve la ricordate? No money, no party. Che devo dire? Dare moneta, vedere cammello? Ma l’essenza è sempre quella». (f.b.)

Il Corriere della Calabria è anche su WhatsApp. Basta cliccare qui per iscriverti al canale ed essere sempre aggiornato

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x