Ultimo aggiornamento alle 15:36
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

il conflitto

Ucraina, attacchi russi nella notte a infrastrutture energetiche

Le forze russe hanno colpito con droni e missili. Danneggiate centrali termiche e idroelettriche

Pubblicato il: 29/03/2024 – 8:16
Ucraina, attacchi russi nella notte a infrastrutture energetiche

“Durante la notte l’esercito russo ha lanciato un potente attacco missilistico contro le strutture energetiche dell’Ucraina”, ha riferito il comandante dell’aeronautica Mykola Oleschuk affermando che la difesa ha abbattuto 84 obiettivi su 99. Le truppe del Cremlino hanno attaccato con 60 droni, 3 missili aerobalistici X-47M2 Kinzhal, 2 missili balistici Iskander-M, 9 missili aerei guidati X-59, 4 missili da crociera Iskander-K, 21 missili da crociera X-101-X-555. Il ministero dell’Energia ha reso noto su Telegram che “le centrali termiche e idroelettriche nelle regioni centrali e occidentali sono state danneggiate”. L’azienda ucraina dell’Energia Dtek ha reso noto su Telegram che tre centrali termoelettriche sono state gravemente danneggiate dall’attacco russo durante la notte nelle regioni di Dnepropetrovsk, Poltava e Cherkasy: “Gli obiettivi degli attacchi con droni e missili erano soprattutto impianti di produzione di elettricità”.

Spari ed esplosioni vicino alla centrale nucleare di Zaporizhzhia

Il direttore generale dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica (Aiea), Rafael Grossi, afferma che “il conflitto continua a mettere in pericolo la sicurezza nucleare in Ucraina”. Grossi rileva segnala in particolare i rischi dovuti a “attività militari in corso nei pressi della centrale nucleare di Zaporizhzhia, allarmi di raid aerei e bombardamenti che mettono fuori uso l’energia elettrica in diversi siti”. “Da più di due anni ormai la sicurezza nucleare in Ucraina è in costante pericolo”, sottolinea Grossi in un comunicato pubblicato ieri sera sul sito web dell’Aiea. “Restiamo determinati a fare tutto il possibile per contribuire a ridurre al minimo il rischio di un incidente nucleare che potrebbe danneggiare le persone e l’ambiente non solo in Ucraina”. Alla centrale di Zaporizhzhia “gli esperti dell’Aiea di stanza sul posto hanno continuato a sentire esplosioni ogni giorno nell’ultima settimana, a diverse distanze dall’impianto”, riporta Grossi aggiungendo che “diverse volte i suoni sembravano provenire da vicino al sito, presumibilmente dal fuoco di artiglieria in uscita, e nelle vicinanze si è sentito il fuoco di armi leggere”. (Ansa)

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x