Ultimo aggiornamento alle 22:31
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

sanità

Rete ospedaliera, fugati i timori di Occhiuto. Arriva il via libera dei ministeri

Il tavolo del Dm 70, composto dai tecnici di Mef e Salute, approva il piano aggiornato. Il governatore: «Ottimo risultato per la Calabria»

Pubblicato il: 10/04/2024 – 20:40
Rete ospedaliera, fugati i timori di Occhiuto. Arriva il via libera dei ministeri

CATANZAROIl tavolo Dm 70, composto dai rappresentanti tecnici dei Ministeri dell’Economia e delle finanze e della Salute, ha approvato la rete ospedaliera della nostra Regione. Un ottimo risultato per la Calabria!”. Lo scrive su X Roberto Occhiuto, presidente della Regione Calabria. Lunedì Occhiuto aveva espresso qualche timore che il piano non fosse approvato ma i ministeri affiancanti hanno fugato questo timore. Dai dicasteri arriva dunque un via libera che consente al piano di entrare in una fase operativa, dopo le polemiche che avevano indotto Occhiuto ad aggiornare una prima versione del piano, adottata con il decreto 69 del 14 marzo.

Il percorso

Il 27 marzo il governatore e commissario ha così riadottato un nuovo decreto che ha recepito alcune richieste provenienti dai territori, che avevano lamentato declassamenti e tagli. Con questo nuovo Dca di Occhiuto e della struttura commissariale sono stati ripristinati in sostanza i numeri del primo decreto sulla rete ospedaliera, adottato a luglio, con riferimento in particolare alle strutture complesse pubbliche, in pratica i primariati, che saranno oltre 300 (306 per la precisione, nel Dca del 14 marzo erano inferiori a 300). In particolare, sono state ripristinate alcune strutture a Polistena, al Gom di Reggio Calabria, all’Annunziata di Cosenza, a Crotone, a Castrovillari e Polistena e Lamezia Terme. Novità anche per la “Dulbecco” di Catanzaro, con il taglio dei cosiddetti “doppioni” (25) previsti nel Dca del 14 marzo. Comunque, va segnalato che il piano, per come riferito anche dallo stesso Occhiuto, prevede un taglio di unità operative – si parla di 35 – da spalmare nei prossimi 5 anni. Il nuovo provvedimento commissariale, sottoscritto anche dai sub commissari Iole Fantozzi ed Ernesto Esposito, era stato elaborato alla luce delle ulteriori interlocuzioni di Occhiuto con i ministeri affiancanti, che evidentemente hanno apprezzato le integrazioni accordando oggi l’ok. Il Dca del 27 marzo ha infine lasciato sostanzialmente invariata la dotazione programmata di posti letto, pari a 6.694 posti letto, di cui 4.718 pubblici e 1.976 privati, prevista nel decreto precedente. (c. a.)

Il Corriere della Calabria è anche su WhatsApp. Basta cliccare qui per iscriverti al canale ed essere sempre aggiornato

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x