Ultimo aggiornamento alle 14:09
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

il caso

Ucciso nel 1981 a Cosenza perchè rifiutò di pagare il pizzo, processo da rifare per Francesco Cicero

La Cassazione ha annullato con rinvio la sentenza di secondo grado per “Il Pirata”, accusato di aver ammazzato l’imprenditore Santo Nigro

Pubblicato il: 12/04/2024 – 22:30
Ucciso nel 1981 a Cosenza perchè rifiutò di pagare il pizzo, processo da rifare per Francesco Cicero

COSENZA Commerciante ucciso 43 anni fa perché rifiutò di pagare il pizzo, processo da rifare per uno degli imputati. La Corte di Cassazione, questa sera, ha annullato con rinvio la sentenza di secondo grado per Francesco Cicero detto “Il Pirata”, accusato di aver ammazzato il commerciante e imprenditore Santo Nigro nel 1981 a Cosenza. Secondo l’accusa la vittima si rifiutò di pagare il pizzo. I difensori di Cicero – gli avvocati Riccardo Maria Panno e Paolo Pisani – hanno presentato ricorso in Cassazione contro la condanna in secondo grado a 14 anni di reclusione. Cicero era stato invece condannato in primo grado con rito abbreviato a 30 anni. Adesso gli Ermellini hanno annullato con rinvio la sentenza di secondo grado. Quindi dovrà rifarsi il processo. La Cassazione ha invece respinto i ricorsi degli altri imputati. Quindi diventano definitive le condanne di Mario Pranno, Aldo Acri e Francesco Saverio Vitelli, accusati dell’omicidio di Santo Nigro. In secondo grado, gli imputati erano stati condannati a un anno e sei mesi di carcere. 

LEGGI ANCHE

Il Corriere della Calabria è anche su Whatsapp. Basta cliccare qui per iscriverti al canale ed essere sempre aggiornato

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x