Ultimo aggiornamento alle 22:52
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

la protesta

Abbattimento vacche sacre a Verbicaro, Oipa presenta ricorso al Tar

Gli animalisti contro l’ordinanza del sindaco Francesco Silvestri. «Multare l’allevatore secondo la normativa vigente»

Pubblicato il: 20/04/2024 – 17:01
Abbattimento vacche sacre a Verbicaro, Oipa presenta ricorso al Tar

VERBICARO Contro l’ordinanza di abbattimento di un gruppo di bovini vaganti a Verbicaro, nel Cosentino, l’Organizzazione internazionale protezione animali (Oipa) ha presentato ricorso al Tar della Calabria insieme alle associazioni Rispetto per tutti gli animali Stop Animal Crimes Italia. Le associazioni chiedono l’annullamento, previa la sospensione dell’efficacia, dell’ordinanza firmata dal sindaco Francesco Silvestri il 4 aprile scorso che dispone la cattura e l’abbattimento degli animali. «Si tratta di un abbattimento di cui non si vede la necessità e senza alcun fondamento scientifico che attesti la pericolosità ed il potenziale pericolo che costituirebbe questo gruppo di bovini, stimato tra i 50 e gli 80 esemplari», spiega la responsabile dell’Ufficio legale dell’Oipa, l’avvocato Claudia Taccani. «Auspichiamo che non si proceda all’esecuzione dell’ordinanza prima dell’udienza per discutere la nostra istanza cautelare per la sospensione».

«Multare l’allevatore»

L’Oipa sottolinea che la decisione impugnata non è stata adottata a seguito di un’adeguata attività istruttoria e il sindaco, da quanto emerge dagli atti, non ha preso in esame eventuali soluzioni alternative e si limita a riferire di aver interessato il Prefetto di Cosenza, il quale avrebbe convocato il Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica, senza richiamare alcun parere reso. Secondo il provvedimento del sindaco Silvestri, questi animali rappresenterebbero un rischio per l’incolumità pubblica poiché non sono mai stati sottoposti a controlli sanitari e poiché, alla ricerca di cibo, danneggerebbero dei terreni privati. L’Oipa sostiene che, in virtù della dichiarata conoscenza dell’appartenenza dei bovini a un noto allevatore, il sindaco avrebbe dovuto sanzionare quest’ultimo secondo la normativa vigente ed evidenzia come nessuna delle fonti normative disciplinanti la materia contempli la sanzione dell’abbattimento “per la violazione degli obblighi di natura formale inerenti l’identificazione e la registrazione dei bovini”. L’associazione chiede dunque la sospensione e l’annullamento dell’ordinanza e di prevedere misure alternative e rispettose della vita degli animali (messa in sicurezza e controlli sanitari) per una risoluzione pacifica della vicenda.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x