Ultimo aggiornamento alle 23:55
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

il commento

Assemblea del Psi cosentino, Tenuta: «Centrodestra a picco a Cosenza, Rende e Castrolibero»

L’analisi del voto delle Europee e la prospettiva della città di Rende. Il focus dei socialisti cosentini

Pubblicato il: 24/06/2024 – 18:36
Assemblea del Psi cosentino, Tenuta: «Centrodestra a picco a Cosenza, Rende e Castrolibero»

COSENZA Venerdì scorso, presso l’Hotel S. Francesco di Rende, si è tenuta l’assemblea dei socialisti della città, alla presenza del segretario della sezione, Francesco Tenuta, del Vice Segretario, Simone Fabbricatore, nonché del Segretario Regionale del partito, Luigi Incarnato. Presenti in sala tantissimi compagni socialisti, con al loro fianco tutti i consiglieri comunali socialisti di Cosenza e l’Assessore all’Urbanistica del Comune bruzio, Pina Incarnato. Ordine del giorno: l’analisi del voto delle Europee e la prospettiva della città di Rende.
Ha introdotto i lavori il segretario Tenuta, il quale ha analizzato il risultato delle Europe e della lista “Stati Uniti d’Europa” sostenuta proprio dai socialisti: «Abbiamo ottenuto un buon risultato, solo se si considera che la lista da noi sostenuta nella circoscrizione meridionale ha ottenuto circa 240.000 voti, di cui 40.000 voti ottenuti in Calabria e più della metà conseguiti nella Provincia di Cosenza. Con un’ottima affermazione anche a Rende, con quasi 2000 voti di lista». Due le indicazioni importanti fuoriuscite dall’analisi del voto: «Il primo è che il centrodestra va a picco, soprattutto nelle città di Cosenza, Rende e Castrolibero, che tenta forzatamente di fondere, con ovvie ripercussioni anche sull’eventuale referendum sul punto. Il secondo è che a Rende tutti i partiti del centrosinistra, se uniti, rappresentano più del 40%. Per non considerare che, assieme al Movimento 5 stelle, si supera di gran lunga il 60%». Da qui l’auspicio di tutti socialisti intervenuti per il futuro prossimo della città: «Oggi c’è bisogno di superare le stantie analisi dei problemi, per guardare oltre, per parlare del futuro della città, per offrire una rinnovata prospettiva a Rende e ai Rendesi. E crediamo che anche a Rende ci sia una impellente domanda politica che va tenuta in debita considerazione e che non può essere respinta con indifferenza e distacco. Lo abbiamo ribadito diverse volte: è necessario che si delinei un campo comune, liberale, democratico, progressista e riformista, già da adesso, aperto a tutte le forze moderate e cattoliche; un campo che esca dall’atavico vizio delle divisioni interne e riesca a diventare una coalizione plurale e inclusiva, che elabori e proponga ai cittadini un’offerta politica di prospettiva e di visione certamente più credibile rispetto a quella del centrodestra, che ha già avviato, in città, significatici passi verso una coalizione unitaria per le prossime amministrative».

Ha concluso i lavori il Segretario Regionale, Luigi Incarnato: “Rende deve tornare al voto entro l’anno, a novembre. È sinonimo di civiltà e democrazia restituire la parola ai cittadini.

Da Rende deve partire un grande progetto politico riformista e coraggioso capace anche di conquistare la Calabria sottraendola agli egoismi della Cittadella, che sta perdendo tempo prezioso per decidere su dove ubicare l’Ospedale e ha de-finanziato la metro leggera che poteva rappresentare davvero la più concreta occasione per la conurbazione dell’intera area urbana.

Da Rende deve iniziare questo cammino perché è la terra di Cecchino Principe, il visionario, e perché Rende è la città più sviluppata della Calabria, con all’interno il campus universitario, patrimonio dei cittadini e di tutti i calabresi”.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x