Ultimo aggiornamento alle 22:01
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

Il Museo riapre. Ma per il Magna Graecia festival

REGGIO CALABRIA È stata presentata questa mattina a Reggio la nona edizione del “Magna graecia teatro festival”. Il programma della kermesse, al via dal 15 luglio in 13 siti archeologici calabresi,…

Pubblicato il: 14/07/2012 – 13:58
Il Museo riapre. Ma per il Magna Graecia festival

REGGIO CALABRIA È stata presentata questa mattina a Reggio la nona edizione del “Magna graecia teatro festival”. Il programma della kermesse, al via dal 15 luglio in 13 siti archeologici calabresi, è stato illustrato all’interno del Museo archeologico nazionale, aperto temporaneamente per l’occasione (nei giorni scorsi una prima presentazione ufficiale era stata fatta a Roma). Guest star dell’incontro, il direttore artistico del festival per il secondo anno consecutivo, Giorgio Albertazzi. Il tema di quest’anno è “Il Sud del mondo”, per un totale di 54 rappresentazioni, tra cui sette produzioni originali e sei anteprime nazionali. Le compagnie regionali impegnate saranno 3 su 13. Molti i nomi di rilievo del mondo del teatro e della cultura, tra cui Moni Ovadia (“Progetto odissea”), Peppe Servillo (“Spassiunatamente”), Peppe Barra (“Canti e racconti”), Rocco Papaleo (“Una piccola impresa meridionale”), Pino Insegno (“Edgar Allan Poe – Racconto di un uomo”) e Vanessa Gravina (“Il mare dove nascono i miti”). Le rappresentazioni teatrali si svolgeranno nei siti archeologici di Borgia, Cassano allo Ionio, Crotone, Diamante, Lamezia Terme, Monasterace, Locri, Palmi, Reggio Calabria, Ricadi, Rosarno, Vibo Valentia e Casignana. «Sono molto soddisfatto del programma di quest’anno – ha detto Albertazzi -, anche se la scelta delle opere è stata dura. Credo di aver fatto scelte molto oculate». Per il grande attore e regista il “Magna graecia” deve assumere dei tratti distintivi ben precisi, senza ripercorrere esperienze già ben rappresentante da altre kermesse, come quella di Siracusa: «La riesumazione del teatro antico c’è già, a me interessano di più le rielaborazioni sul tema. Qui il mare conta, il Mediterraneo è circondato da terre dove è cresciuta la civiltà in cui viviamo, o in cui dovremmo vivere». E a chi gli imputa di aver escluso molte, troppe, compagnie calabresi, Albertazzi replica così: «Le scelte sono sempre dolorose, non vorrei mai estromettere nessuno. Purtroppo però bisogna farlo, seguendo il proprio istinto e la simpatia che suscitano determinati attori o registi». Molto soddisfatto anche l’assessore alla Cultura della Regione, Mario Caligiuri, che gioca con la data del 14 luglio (anniversario della presa della Bastiglia) per sottolineare come il “Magna graecia” rappresenti «un tassello significativo nella rivoluzione culturale alla base del programma politico del governatore Scopelliti». Non mancano gli elogi ad Albertazzi («valore aggiunto straordinario») e l’elencazione dei principali eventi culturali in programma nei prossimi mesi. Tra questi, l’attività di educazione archeologica, che «coinvolgerà oltre 4mila studenti, per farli diventare i primi divulgatori del nostro patrimonio», la registrazione in Calabria di tre puntate del programma Voyager di Roberto Giacobbo e la presenza dal 6 all’11 agosto di “Con parole mie”, «una delle trasmissioni culturali più importanti del nostro Paese». Caligiuri assicura che saranno ultimati quanto prima i lavori di ristrutturazione del Museo archeologico di Reggio, «l’opera più importante realizzata in occasione del 150 anniversario dell’unità d’Italia e che sarà inaugurata dal governatore Scopelliti e, speriamo, anche dal presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano». Sulle sorti del Museo non ci sono ancora certezze, lo conferma anche Massimiliano Ferrara, direttore generale del dipartimento Cultura della Regione: «Aspettiamo di conoscere la data definitiva per la sua riapertura. Nella prossima settimana, acquisito il progetto definitivo, ci sarà un decreto di impegno di 5 milioni, per fare in modo che questi bellissimi ambienti possano essere bioclimatizzati». Alla presentazione di questa mattina hanno partecipato anche il consigliere comunale con delega alla Cultura, Monica Falcomatà, e la soprintendente ai beni archeologici della Regione, Simonetta Bonomi.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.c.a.r.l. ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Design: cfweb