Ultimo aggiornamento alle 15:36
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 4 minuti
Cambia colore:
 

Il super dirigente più amato dalle università

CATANZARO Di sicuro c`è solo una cosa: la Calabria non basta all`avvocato Bruno Calvetta. Che arriva dall`Asp di Vibo Valentia e dirige (da esterno) il dipartimento Lavoro della Regione, ma non dis…

Pubblicato il: 15/08/2012 – 15:34
Il super dirigente più amato dalle università

CATANZARO Di sicuro c`è solo una cosa: la Calabria non basta all`avvocato Bruno Calvetta. Che arriva dall`Asp di Vibo Valentia e dirige (da esterno) il dipartimento Lavoro della Regione, ma non disdegna altri incarichi. Specie se prestigiosi e legati a protocolli d`intesa che passano proprio per il “suo” dipartimento. È questa la nota curiosa nella recente storia professionale del manager pubblico: le sue capacità riscuotono consensi nelle istituzioni che stringono accordi con la Regione. In uno degli ultimi numeri del “Corriere della Calabria”, vi abbiamo raccontato il più recente impegno del burocrate-prof. Poche settimane dopo la stipula di un protocollo d`intesa da 3 milioni di euro tra la Regione e la Scuola superiore della pubblica amministrazione (Sspa), Calvetta è diventato «docente a tempo pieno» del prestigioso istituto che dipende dalla Presidenza del Consiglio dei ministri. Una storia ricostruita grazie alla doppia autorizzazione accordata al dirigente dall`Asp di provenienza: una per fare il dg, l`altra per il suo insegnamento «a tempo pieno» (che consente il cumulo delle retribuzioni). C`è dell`altro: per ottenere il via libera e siglare l`accordo con Catanzaro, la Sspa ha usufruito del parere del suo futuro docente Calvetta, che, come responsabile dell`Autorità di gestione per il Por, ha reso possibile istruire la pratica per tempo. E poi si è ritrovato tra i prof dell`organismo che formerà la prossima classe dirigente della Regione, visto che l`accordo da 3 milioni servirà, tra le altre cose, a dare vita a un corso-concorso per i burocrati dei dipartimenti.
L`amore per l`insegnamento del dg ha, però, un illustre precedente nel settore privato. Il dato emerge, ancora una volta, da un decreto dell`Azienda sanitaria di Vibo. La commissione straordinaria, infatti, lo scorso 6 marzo, autorizza il proprio dipendente (già distaccato alla Regione) a diventare un docente della Luiss. Per la verità, la delibera che concede il permesso manca di una pagina, ma basta dare un`occhiata all`elenco dei dipendenti della sanità vibonese a cui è stato concesso di svolgere incarichi esterni per trovare il nome del solito Calvetta, che ha un «incarico (retribuito, ndr) di insegnamento della disciplina “Strategie d`impresa” presso il dipartimento di Impresa e management della Luiss».
Coincidenza: anche la Luiss, con un accordo che risale al mese di ottobre del 2010, ha avviato un rapporto con la Regione per lo svolgimento di due master, uno in “Management per le aziende sanitarie della Regione Calabria”, l`altro in “Management pubblico per la Regione Calabria”. Due attività di formazione svolte a Lamezia, nei locali della Fondazione Terina, alle quali hanno partecipato una sessantina di laureati calabresi, quasi tutti vincitori dei voucher da 20mila euro (tanto costava il corso). I master furono accompagnati da qualche polemica, visto che – con il sistema dei voucher – la Regione, in pratica, finanziava i corsi di due università private snobbando quelli degli atenei calabresi. Ma non è questo il punto: il punto è che il protocollo d`intesa per i corsi organizzati dall`ateneo romano passava per il dipartimento 10 (“Lavoro”), che è quello diretto da Calvetta. E, come nel caso della Scuola superiore di pubblica amministrazione, lo stesso Calvetta è diventato un docente della Luiss a marzo del 2012.
Chissà se gli hanno chiesto di collaborare con loro il 15 febbraio 2012, quando, nell`hotel 501 di Vibo, il direttore generale sedeva allo stesso tavolo di Paolo Boccardelli, della Luiss Business school all`evento annuale “Costruiamo insieme il futuro della Calabria”? Era un`occasione per parlare di come sono stati utilizzati finora il denari dell`Fse (fondo del Por che si occupa delle attività sociali). Benissimo, secondo la relazione effettuata dal manager-docente davanti alla commissione Affari europei il 2 marzo scorso. Per Calvetta i soldi di Bruxelles daranno molto alla Calabria, soprattutto nell`alta formazione, per la quale il direttore generale «ricorda – si legge nel resoconto della seduta – lo schema di protocollo di intesa con le Università Luiss e Bocconi per la realizzazione di master, destinati alla formazione di manager altamente qualificati, ed il protocollo di intesa, non ancora siglato (diventerà operativo a giugno, ndr), tra la Regione e la Scuola superiore della pubblica amministrazione per l’aggiornamento delle pratiche connesse all’attuazione della cosiddetta “Legge Brunetta”». Ma chi parlava: il burocrate pubblico oppure il (futuro) docente di entrambe le istituzioni universitarie?

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.c.a.r.l. ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Design: cfweb