Ultimo aggiornamento alle 12:30
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

L`annuncio del governatore: «Dimissioni di massa»

CATANZARO L`annuncio arriva al termine della giunta convocata d`urgenza dopo la condanna nel processo Fallara: il governatore si dimette. Lascerà, probabilmente, assieme agli assessori e ai consigl…

Pubblicato il: 28/03/2014 – 13:28
L`annuncio del governatore: «Dimissioni di massa»

CATANZARO L`annuncio arriva al termine della giunta convocata d`urgenza dopo la condanna nel processo Fallara: il governatore si dimette. Lascerà, probabilmente, assieme agli assessori e ai consiglieri di maggioranza. «Sono rispettoso delle sentenze. È necessario fare un passo indietro», le prime parole del presidente della Regione Calabria Giuseppe Scopelliti, all`indomani della sentenza di condanna a sei anni come ex sindaco di Reggio Calabria. Ormai «non si torna indietro, quella delle dimissioni è l`unica soluzione che si potesse prendere», ha aggiunto Scopelliti. Che, in base alle prime indiscrezioni, avrebbe maturato l`idea di fare un passo indietro già dalla serata di ieri.
Certo, il governatore poi ha commentato la decisione del collegio giudicante, parlando di una «sentenza clamorosa», che considera «un messaggio inquietante per tutti coloro che rivestono una carica istituzionale». «Ad oggi – ha aggiunto Scopelliti – non è emerso un solo elemento probatorio che consenta di individuare la certezza della mia responsabilità. Credo che ci siano anche delle riflessioni da fare. Io ho firmato gli stessi atti che ha firmato il sindaco facente funzione che mi ha sostituito».
Scopelliti ha manifestato la sua amarezza, spiegando che la sua squadra si avvia a rassegnare le dimissioni perché «la Calabria ha bisogno di un governo legittimato». E ha avvertito il centrosinistra: «Noi siamo perché vinca sempre la democrazia. Non gioisca il centrosinistra rispetto a queste scelte e a queste sentenze perché non vince la politica».
Intanto a Palazzo Alemanni, sede della presidenza della Regione Calabria, è in corso una riunione indetta da Scopelliti con tutti i capigruppo e i consiglieri della sua maggioranza. Secondo quanto affermato da alcuni dei partecipanti, «si sta discutendo sul da farsi». «Lavoreremo e torneremo in campo come sempre a combattere la battaglia da postazioni e con ruoli diversi», ha detto ancora Scopelliti, «avere un ruolo o un posto non significa battersi per la propria gente. Il legame profondo che ho con la mia gente e con la mia terra continuerà a essere in cima ai miei pensieri. Oggi è una giornata molto importante e penso che da questa partita esco con la maglietta bagnata e con la testa alta».
«Le mafie – ha concluso Scopelliti – le combatteremo a viso scoperto, e quando servirà indicheremo i nomi e cognomi di coloro che hanno messo in ginocchio questa terra e pensano di continuare a condizionarla. Siamo qui tutti insieme per assumere una decisione, perchè siamo convinti di ciò che abbiamo fatto in questi anni. Noi abbiamo a cuore le sorti della nostra terra. Non si illudano che ci hanno sconfitto coloro che si annidano nei palazzi del potere. È solo una partita che abbiamo perso».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x