Ultimo aggiornamento alle 16:00
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

ARMI SIRIANE | Protesta sulle banchine: «Politici, dove siete?»

GIOIA TAURO «Politici dove siete?». È lo slogan della protesta inscenata dal Comitato quartiere Fiume e dalla Pro Loco di Gioia Tauro «per denunciare – hanno spiegato alcuni dei promotori – lo scem…

Pubblicato il: 02/07/2014 – 10:26
ARMI SIRIANE | Protesta sulle banchine: «Politici, dove siete?»

GIOIA TAURO «Politici dove siete?». È lo slogan della protesta inscenata dal Comitato quartiere Fiume e dalla Pro Loco di Gioia Tauro «per denunciare – hanno spiegato alcuni dei promotori – lo scempio ambientale che si sta verificando nella Piana da alcuni anni a questa parte». Sullo striscione, sorretto da alcune donne che indossano delle mascherine, sono affisse le foto dei ministri degli Esteri, Federica Mogherini, e delle Infrastrutture, Maurizio Lupi.

Alla manifestazione, che si propone principalmente l’obiettivo di richiamare l’attenzione sugli alti tassi di incidenza dei tumori nell’area della Piana, partecipano molte donne e bambini. In uno degli striscioni colorati sono riproposti i volti delle vittime di tumore che si sono registrate negli ultimi anni. Su un altro cartello, imbracciato da tre ragazzini, si legge: «Ci state ammazzando».
Sempre nella piazza, a testimoniare l’assenza delle tante persone decedute, è stata posta una sedia vuota. «Da luglio 2013 a oggi – dice Mimmo Praticò, responsabile di un’associazione di protezione civile locale – ci sono state 80 vittime per malattie tumorali e leucemie. Una situazione inaccettabile che non risparmia giovani e bambini. Come se non bastasse, adesso, dobbiamo avere a che fare pure con i rischi legati al trasbordo di armi chimiche nel porto».

 

GALLETTI: «MONITORAGGIO CON L’ARPACAL»

Le preoccupazioni per l’ambiente sono tante. E il ministro Galletti ha provato a smorzarle parlando dell’impegno delle istituzioni sulla questione: «Abbiamo avviato con l’Arpacal un monitoraggio delle aree sulle quali ci sono state segnalazioni anche alla luce di procedimenti giudiziari su possibili interramenti di rifiuti pericolosi. Continueremo a farlo in futuro». «Questo – ha aggiunto Galletti – non è un problema della sola Calabria o della Campania, ma riguarda tutta l’Italia, che pertanto dovrà farsene carico». (0020)

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x