Ultimo aggiornamento alle 10:13
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

Erosione, previsti interventi per 400 milioni di euro

CATANZARO Circa 400 milioni di euro per salvare le coste calabresi dall’erosione. È quanto previsto dal Comitato istituzionale dell’Autorità di bacino regionale che si è riunito a Palazzo Alemanni….

Pubblicato il: 22/07/2014 – 16:48
Erosione, previsti interventi per 400 milioni di euro

CATANZARO Circa 400 milioni di euro per salvare le coste calabresi dall’erosione. È quanto previsto dal Comitato istituzionale dell’Autorità di bacino regionale che si è riunito a Palazzo Alemanni. La riunione, presieduta dal presidente facente funzioni della Regione Antonella Stasi e dall’assessore ai Lavori pubblici Giuseppe Gentile, ha visto la partecipazione dell’assessore regionale all’Agricoltura Michele Trematerra, dei presidenti e dei delegati delle cinque province calabresi e dei rappresentanti dell’Afor, dell’Uncem dell’Arapcal e dell’Urbi. Ad illustrare gli aspetti tecnici è stato il segretario generale dell’Autorità di Bacino Salvatore Siviglia. Al termine dell’incontro – informa un comunicato dell’ufficio stampa della giunta – sono stati approvati due strumenti fondamentali, il piano di bacino stralcio per l’erosione costiera, che sarà adottato subito dopo la pubblicazione sul Burc, piano che individua le aree a pericolosità. Altro strumento approvato è il “Master Plan per gli interventi di difesa e di tutela della costa”, in pratica lo strumento che consente di fotografare tutte le opere esistenti a mare e realizzate nel corso degli ultimi 60 anni. Sono state suddivisi tutti gli 800 km di costa in transetti da 200 metri circa, in questi analisi è visibile l’evoluzione della linea di riva, dal 1954 al 2013. Grazie a questo si è potuto individuare un piano di priorità di interventi e sono state previste tutte le opere necessarie per la messa in sicurezza che complessivamente superano i 400 milioni di euro. Il Master Plan è stato redatto grazie alla costituzione di gruppi di lavoro costituiti da esperti tecnici, funzionari dell’Autorità di bacino e del settore 2 del dipartimento Lavori pubblici, del genio civile Opere marittime, delle cinque amministrazioni provinciali calabresi e a particolari approfondimenti specialistici redatti dal dipartimento Diceam dell’Università degli studi Mediterranea di Reggio Calabria. Parte della copertura finanziaria grava sull’Apq difesa delle coste, stipulato lo scorso mese di giugno. Il dipartimento Lavori pubblici e l’Autorità di bacino hanno programmato, progettato e bandito 15 interventi di messa in sicurezza, alcuni dei quali sono già stati aggiudicati e a breve inizieranno i lavori di messa in sicurezza. «È una giornata significativa per la Regione – ha evidenziato la presidente Stasi – . È nostra intenzione presentare i contenuti prossimamente in conferenza stampa per illustrare ai calabresi il lavoro meticoloso che è stato realizzato». «Si tratta di provvedimenti particolarmente importanti ed attesi da tempo – ha evidenziato l’assessore Gentile – la salvaguardia del nostro territorio è fondamentale per la Calabria che spesso è interessata da fenomeni erosivi. Ci sono 400 milioni di euro per interventi ed è nostra intenzione avviare i lavori al più presto». 

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x