Ultimo aggiornamento alle 12:01
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

Uccise e bruciò la sua vittima, confermata la condanna per Trapasso

CATANZARO La Corte d’assise d’appello di Catanzaro ha confermato la condanna a 18 anni di reclusione, all’interdizione perpetua dai pubblici uffici e al risarcimento del danno alle parti civili, gi…

Pubblicato il: 15/01/2015 – 14:53
Uccise e bruciò la sua vittima, confermata la condanna per Trapasso

CATANZARO La Corte d’assise d’appello di Catanzaro ha confermato la condanna a 18 anni di reclusione, all’interdizione perpetua dai pubblici uffici e al risarcimento del danno alle parti civili, già inflitta in primo grado, ad Alfredo Trapasso, catanzarese di 32 anni, ritenuto colpevole dell’omicidio di Antonio Aloi, operaio 39enne ucciso con quattro colpi di pistola e poi dato alle fiamme all’interno di un casolare di Simeri Crichi, dove venne ritrovato semicarbonizzato la sera di domenica 19 settembre 2010.

I giudici (presidente Palma Talerico, consigliere Marco Petrini) non hanno dunque accolto la richiesta del sostituto procuratore generale, Salvatore Curcio, il quale aveva proposto un aggravio di pena a 21 anni e mezzo di reclusione, in base al richiesto riconoscimento in capo all’imputato dell’aggravante della premeditazione, esclusa in primo grado, ritenendola poi equivalente alle attenuanti generiche già riconosciutegli.

La sentenza di primo grado a carico di Trapasso (difeso dagli avvocati Nicola Cantafora e Luigi Falcone) arrivò il 13 giugno del 2013, quando l’uomo fu riconosciuto colpevole dalla Corte d’assise di Catanzaro, presieduta dal giudice Giuseppe Neri (a latere Domenico Commodaro), che accolse solo parzialmente le richieste del pubblico ministero, Paolo Petrolo – il quale aveva chiesto per l’imputato una condanna a 30 anni di reclusione –, in virtù della concessione delle attenuanti generiche e dell’esclusione dell’aggravante contestata.

I giudici stabilirono a carico di Trapasso l’onere di risarcire i familiari della vittima – con somme da quantificarsi in sede civile –, corrispondendo intanto tre provvisionali da 50mila euro ciascuno, una da 40mila e una da 30mila a moglie, figlie e sorella della vittima. Secondo quanto ricostruito dalla pubblica accusa e contestato all’imputato, sarebbe stato Trapasso a portare Aloi nel casolare incriminato, dove poi lo avrebbe ucciso con una calibro 7,65 e dato alle fiamme, che però non distrussero completamente il corpo, né il telefono cellulare della vittima, rinvenuto vicino al cadavere.

Una settimana dopo il delitto, i carabinieri della Compagnia di Sellia Marina e del Reparto operativo provinciale di Catanzaro individuarono proprio Trapasso come il presunto assassino, ipotizzando che avesse agito per via di un regolamento di conti con la vittima, e che su disposizione del sostituto procuratore Petrolo fu sottoposto a fermo di indiziato di delitto. L’imputato, tra le altre cose, presentava sul corpo delle ustioni secondo gli investigatori compatibili con l’accensione delle fiamme che dovevano distruggere le prove del delitto nel casolare di Simeri.

Trapasso, per parte sua, rispondendo alle domande del giudice per le indagini preliminari che convalidò il fermo e dispose a suo carico la custodia cautelare in carcere – confermata dal tribunale del riesame il 4 novembre 2010 –, ammise di aver visto Aloi il giorno dell’omicidio, ma raccontò di essersi separato da lui molto prima dell’ora della morte, negando di aver avuto a che fare con quel brutale delitto.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Design: cfweb

x

x