Ultimo aggiornamento alle 14:08
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

Il reggino De Felice è il nuovo prefetto di Caserta

ROMA Il consiglio dei ministri ha scelto di affidare al reggino Arturo De Felice la complicata prefettura di Caserta, chiamata a vigilare su un territorio ad alta densità criminale reso noto dal sa…

Pubblicato il: 11/06/2015 – 20:55
Il reggino De Felice è il nuovo prefetto di Caserta

ROMA Il consiglio dei ministri ha scelto di affidare al reggino Arturo De Felice la complicata prefettura di Caserta, chiamata a vigilare su un territorio ad alta densità criminale reso noto dal sanguinoso regno dei Casalesi, come dalla ferita ancora aperta della cosiddetta “terra dei fuochi”. Per l’investigatore calabrese, divenuto prefetto circa un anno fa, si tratta dell’ennesimo incarico di prestigio, che si aggiunge a una carriera costellata di successi. 

Ex capo della Dia, proprio sotto la sua guida l’elite investigativa pensata da Giovanni Falcone, ha messo a segno colpi importanti come l’indagine che ha svelato la rete anche istituzionale che ha protetto la latitanza dell’ex parlamentare di Forza Italia latitante Amedeo Matacena. Proprio i “segugi” di De Felice sono stati in grado di rintracciare a Dubai l’ex politico, condannato in via definitiva per mafia e per questo ricercato. Dalla Dia, De Felice è andato via circa un anno fa  per assumere il ruolo di prefetto, e proprio in questa veste era stato nominato Commissario per il coordinamento delle iniziative di solidarietà per le vittime dei reati di tipo mafioso.

Un incarico importante, ma forse troppo poco operativo per un investigatore cresciuto fra i ranghi della polizia di Stato, dove è rimasto per circa quarant’anni. Una carriera che spesso lo ha portato ad occuparsi della “sua” Calabria, come agente a Catanzaro, quindi da dirigente al commissariato di Lamezia Terme, per poi passare al Centro Interprovinciale Criminalpol di Reggio . Anni difficili, in cui in Calabria si spara ancora e tanto, ma che permettono a De Felice di accumulare quell’esperienza che nel 2000 gli consentirà di venire scelto come Funzionario di collegamento tra il Ministero dell’Interno e la Commissione Parlamentare Antimafia. Da Questore è stato chiamato ad occuparsi di casi resi complessi anche dall’enorme ribalta mediatica, come quello dei “fidanzatini di Novi Ligure”, gli adolescenti Erika ed Omar che si sono macchiati dell’omicidio della madre e del fratellino della ragazza, o quello dell’assassinio della studentessa inglese Meredith Kercher.

 

 

AC

 

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x