Ultimo aggiornamento alle 21:43
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

Tutti insieme appassionatamente contro Scura

CATANZARO L’ufficio di Mario Oliverio al decimo piano della “Cittadella” regionale nel pomeriggio di venerdì ha ospitato i direttori generali delle aziende ospedaliere e sanitarie calabresi. Al cen…

Pubblicato il: 18/03/2016 – 19:29
Tutti insieme appassionatamente contro Scura

CATANZARO L’ufficio di Mario Oliverio al decimo piano della “Cittadella” regionale nel pomeriggio di venerdì ha ospitato i direttori generali delle aziende ospedaliere e sanitarie calabresi. Al centro del tavolo il governatore, alla sua destra il delegato regionale alla Sanità Franco Pacenza, alla sua sinistra il dg del Dipartimento Tutela della Salute, Riccardo Fatarella. Insomma, tutti assieme appassionatamente quelli che un comunicato stampa della Regione definisce “tutti gli attori del governo sanitario regionale”. Unico assente, perché non convocato, il commissario ad acta per il Piano di rientro sanitario Massimo Scura.
Il tavolo era stato indetto da Oliverio per “imprimere una accelerazione nell’ansia di cambiamento di cui ha bisogno la sanità calabrese. Scelte rigorose, condivise ed universali – ha detto – sono la premessa fondamentale per tutti gli atti necessari”.
Così, al termine delle tre ore di riunione, è stato licenziato un documento a firma dello stesso governatore, destinato proprio a Massimo Scura e al suo vice Urbani, una nota con in cui si afferma che “a causa delle incongruenze” tra il decreto commissariale con cui si è istituita la nuova rete ospedaliera e il decreto ministeriale 70/2015, “nonché gli impegni modificativi del citato Decreto 30 da Voi assunti nei primi incontri a Vibo Valentia e Cosenza che fanno ritenere ancora in progress la rete ospedaliera decretata, si chiede il rinvio del termine per l’adozione degli atti aziendali e l’immediata apertura di una fase di confronto con le Aziende territoriali ed ospedaliere, coordinate dal Dipartimento regionale “Tutela della Salute”, che possa rapidamente rendere applicabile una pianificazione della rete ospedaliera che così come è oggi non sarebbe applicabile e creerebbe un ulteriore peggioramento sia della qualità dei servizi erogati ai cittadini calabresi e sia del contenimento della spesa e dell’uscita dal piano di rientro”.
La politica fa quindi la sua mossa, dopo che già nei giorni scorsi il commissario Scura aveva aperto a modifiche alla rete concertate tanto con i territori quanto con il dipartimento regionale: “Oggi ho ascoltato e recepito dai direttori generali – ha detto Oliverio al termine della riunione – che dai territori il provvedimento assunto da Scura per la riorganizzazione della rete ospedaliera crea gravi problemi, gravi implicazioni, come d’altronde lui stesso ha avuto modo di constatare a Vibo Valentia, ad esempio. Chiediamo quindi, sulla base delle valutazioni che sono emerse senza eccezioni, di sospendere l’efficacia del decreto e consentire quindi ai dg delle aziende sanitarie di confrontarsi in modo sereno e tranquilo per arrivare alle correzioni necessarie a dare alle strutture sanitarie la possibilità di rispondere alle esigenze dei territori”.
Intanto, la riunione è servita anche a dare l’avvio alla struttura di cardiochirurgia di Reggio Calabria grazie alla nomina del primario. Dopo che nei giorni scorsi la commissione dell’Asp di Reggio Calabria aveva licenziato la terna di candidati migliori tra quelli che avevano sottoposto la propria candidatura. Tra questi il punteggio più alto è stato raggiunto da Pasquale Fratto, calabrese di origine, senior della struttura complessa di cardiochirurgia dell’ospedale “Niguarda” di Milano, che quindi è stato scelto per guidare la neonata struttura complessa di cardiochirurgia dell’azienda ospedaliera Bmm di Reggio Calabria.

Alessandro Tarantino
a.tarantino@corrierecal.it

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x