Ultimo aggiornamento alle 23:16
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

«Senza risorse licenzieremo 11 dipendenti»

CATANZARO «Se non si interviene subito dovremo licenziare 11 dipendenti e non potremo assicurare 101 giornate lavorative ai nostri operai stagionali che da anni operano sulla rete di colo». Lo scri…

Pubblicato il: 29/03/2016 – 13:26
«Senza risorse licenzieremo 11 dipendenti»

CATANZARO «Se non si interviene subito dovremo licenziare 11 dipendenti e non potremo assicurare 101 giornate lavorative ai nostri operai stagionali che da anni operano sulla rete di colo». Lo scrive il presidente del Consorzio di bonifica Jonio catanzarese Grazioso Manno in una lettera inviata ai presidenti di giunta e consiglio regionali, al Prefetto di Catanzaro, agli assessori e ai consiglieri regionali e ai sindacati Flai-Cgil- Fai-Cisl e Uila-Uil. La soluzione proposta, è scritto in una nota, è un finanziamento da parte della Regione di 950mila euro. «Non mi pare, anzi non è – scrive Manno – una cifra iperbolica, tenuto conto che nel bilancio regionale 2016 sono previsti, tra l’altro, un lungo elenco di impegni di spesa. Tutti finanziamenti legittimi. Il rovescio della medaglia è che a fronte di tutto cio’, i finanziamenti regionali a favore dei Consorzi di bonifica, riguardanti la rete di colo, l’irrigazione e la manutenzione delle dighe regionali, opere di bonifica di proprietà regionale, dal 2010 al 2014 sono andati via via diminuendo fino ad essere completamente azzerati nel 2015 e nel 2016. C’è da evidenziare inoltre che, dal 2012, le spese generali sulla Forestazione sono passate dal 10% al 3,5%. In totale, dal 2010 ad oggi, il Consorzio di bonifica catanzarese ha visto venir meno circa 5.550.000 euro di contributi regionali. In questi anni abbiamo portato avanti un nuovo percorso volto ad una sempre più razionale, efficiente e trasparente gestione dell’Ente attuando una drastica ed incisiva spending review che, ritengo, non abbia eguali in Calabria. Nonostante cio’, la strutturale riduzione dei trasferimenti di risorse da parte della Regione ha imposto al Consorzio di rivedere il proprio assetto organizzativo, al fine di garantire l’equilibrio finanziario dell’Ente. Abbiamo dovuto necessariamente attivare una procedura di licenziamento per 11 dipendenti e, per la manutenzione della rete di colo, non potremo quest’anno assumere i 44 operai stagionali che ogni anno svolgono un egregio lavoro su 130mila ettari di territorio dei 56 Comuni con cui operiamo».
«Evitare i licenziamenti e assicurare dignitosamente almeno 101 giornate lavorative agli operai stagionali: è per questo – conclude Manno – che ci stiamo battendo. Alla Regione non chiediamo 90 milioni di euro, non chiediamo 9 milioni di euro: chiediamo solamente 950mila euro. Salveremo così, lo ripeto, 11 persone, eviteremo 11 disoccupati in più ed assicureremo lavoro a 44 padri di famiglia. Nelle pieghe del Bilancio regionale si puo’, dovrei dire si deve, trovare la soluzione».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x