Ultimo aggiornamento alle 8:07
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

Platì, scontro "social" tra Leonardi e Guglielmelli

REGGIO CALABRIA «Ti appoggiavano persone di dubbia provenienza». «È diffamazione, ti querelo». È tempo di accuse, denunce e aspre recriminazioni politiche nel Pd scosso dal caso Platì. I protagonis…

Pubblicato il: 10/05/2016 – 13:22
Platì, scontro "social" tra Leonardi e Guglielmelli

REGGIO CALABRIA «Ti appoggiavano persone di dubbia provenienza». «È diffamazione, ti querelo». È tempo di accuse, denunce e aspre recriminazioni politiche nel Pd scosso dal caso Platì. I protagonisti del furioso siparietto sono Anna Rita Leonardi e Luigi Guglielmelli. Il terreno dello scontro è Facebook. A dare avvio al catfight è il segretario provinciale dei dem cosentini, che risponde a una critica rivoltagli questa mattina dalla candidata a sindaco durante la trasmissione Omnibus di La7. «Non merito la tua citazione – scrive Guglielmelli a Leonardi –, ma i calabresi vogliono sapere le vere motivazioni della tua non candidatura». Il post ottiene anche il like dell’assessore regionale Federica Roccisano, anche lei del Pd. Scoppia il finimondo. Dopo giorni di «silenzio forzato», come lei stessa lo ha definito, la dirigente che aveva ottenuto l’investitura di Renzi dimostra di non aver perso la consueta dimestichezza con Facebook. E contrattacca subito: le motivazioni? «Puoi chiederle a Sebi Romeo ed Ernesto Magorno (segretari provinciale e regionale del Pd, ndr). Tu invece? Come mai assieme ai tuoi 4 compari avete boicottato la mia candidatura fin dall’inizio? Come mai mi scrivesti un articolo offensivo dopo la Leopolda che giorni fa hai ripostato? Come mai come segretario del Pd Cosenza non hai mai preso le distanze da tuoi iscritti che, apertamente sui social, offendevano una compagna di partito? Credo che tu abbia molte più spiegazioni da dare, anche a livello di Pd Cosenza ed elezioni amministrative».

QUERELE Seguono i commenti di altri utenti (la maggior parte pro-Guglielmelli: è la sua bacheca) e un nuovo affondo del segretario: «Quello che io ho scritto si è puntualmente verificato. Le eroine che lasciano macerie. A un certo punto ti ho dato fiducia e ti ho sostenuto. Poi ho saputo le motivazioni vere e sono rimasto davvero sconvolto. Se vuoi candidarti a Plati devi conoscerla, io credo nella tua buona fede anche se a pensar male… Hai esposto un intero partito, hai esposto il segretario nazionale. Ora dovremmo chiederti i danni». Guglielmelli precisa di non aver mai boicottato l’ex candidata e di aver provato ad aiutarla, ma «poi ho saputo». E poi anche «a Roma lo sanno, eccome se lo sanno, altroché se lo sanno».
«Di macerie puoi parlare solo tu e la tua gestione del partito a Cosenza», replica prontamente Leonardi. Ma il coordinatore dem insiste. Prima chiede di sapere perché «Roma ti ha chiesto di non candidarti», poi lancia la bomba: «No, io lo so il perché. Persone che ti appoggiavano di dubbia provenienza. Lo ha scritto il Corriere della Sera (il quotidiano che ne ha parlato è La Stampa, ndr) e il Tg5». Affermazioni che Leonardi bolla subito come «gravi e diffamatorie». «Querela Tg5 e Corriere, non me. Lo hanno detto loro e, se vuoi saperla tutta, risulta anche a me», aggiunge Guglielmelli. «No no querelo te. Il Tg5 ha riportato una delle tanti voci fantasiose di questi giorni. Tra cui quella che avrei ricevuto minacce. Voci smentite da tutti. Quindi vacci piano con le parole. Se hai accuse e prove, falle, altrimenti è diffamazione. E io non te lo consento».
Leonardi ora prova a sferzare l’avversario: «Hai accuse da fare? Hai prove? Hai fatto un’accusa pesante. Se hai prove parla e denuncia. Altrimenti non ti dovevi proprio permettere. Attendo le tue scuse». Il segretario, però, non arretra: «Non divulgo atti interni. Ma ti ripeto, lo hanno detto tutti. Ora cerchi di passare per vittima mettendo di nuovo di mezzo il Pd? E no, è troppo». Leonardi è lapidaria nel chiudere (per il momento) la contesa: «Tu hai diffamato. Tu non sei il Pd. Ci vediamo in Tribunale… tanto hai chi ti paga le spese…».

Pietro Bellantoni
p.bellantoni@corrierecal.it

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x